Ambiente

Acidificazione degli Oceani, gli animali mutano per sopravvivere

Di fronte all'acidificazione degli oceani, saranno le creature più piccole a sopravvivere. Sembrerebbe questa la conclusione di uno studio condotto dalla Plymouth University e citato ...

Di Valentina Neri


Di fronte all’ acidificazione degli oceani, saranno le creature più piccole a sopravvivere. Sembrerebbe questa la conclusione di uno studio condotto dalla Plymouth University e citato dal New Scientist.

Tra le conseguenze delle emissioni di CO2, infatti, ci sono anche le alterazioni nel pH degli Oceani. Un fenomeno che si è già verificato nel corso della storia della Terra, portando all’ estinzione di numerose specie marine. Ci sono stati però coralli, pesci e crostacei che sono riusciti a sopravvivere riducendo le proprie dimensioni di circa un terzo: un fenomeno che è stato ribattezzato " Effetto Lilliput".
Sembra che qualcosa del genere possa ripetersi in questi anni. I ricercatori hanno infatti preso in esame le specie marine che vivono in prossimità delle zone vulcaniche del Mediterraneo, dove il pH medio si aggira su 7.2, a fronte di uno standard di 8.1. Una condizione che potrebbe diventare la norma in tutto il mondo, se non si riusciranno a fermare le emissioni di gas serra di origine antropica. Le conseguenze sono tangibili: si perde il 30% della biodiversità e i crostacei che riescono a sopravvivere sono più piccoli.
Esaminandoli in laboratorio, è emerso che questi animali sono sottoposti a un maggiore stress metabolico. Ciò significa che si può parlare a pieno titolo di adattamento della specie e non di un fenomeno reversibile. Immaginando che qualcosa di simile si possa replicare a livello globale, le conseguenze saranno impossibili da ignorare. In primis per la biodiversità ma anche, fanno notare gli studiosi, per la pesca, i cui margini di profitto verrnno inevitabilmente erosi.

Foto: Richard Ling
Fonte: Wikimedia Commons

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile