Ambiente

L’allarme degli scienziati: «Il Mediterraneo è coperto di plastica»

Sulla superficie del Mediterraneo galleggiano circa mille tonnellate di plastica: si tratta soprattutto di frammenti di bottiglie, buste e imballaggi. Le cifre arrivano da uno ...

Di Valentina Neri


Sulla superficie del Mediterraneo galleggiano circa mille tonnellate di plastica: si tratta soprattutto di frammenti di bottiglie, buste e imballaggi. Le cifre arrivano da uno studio spagnolo pubblicato nella rivista PLOS ONE.
I ricercatori – riporta BBC News – non hanno usato mezzi termini: un contesto come quello del Mediterraneo ha un valore cruciale, a livello economico e di biodiversità. Pur rappresentando solo l’1% della superficie globale degli Oceani, contiene una quota compresa tra il 4 e il 18% di tutte le specie marine e, tramite pesca e turismo, è una fonte di reddito fondamentale per i Paesi che vi si affacciano.
Per questo motivo l’inquinamento rappresenta una minaccia impossibile da ignorare. Frammenti di plastica sono stati trovati in bocca a pesci, uccelli, tartarughe e balene, ma anche nelle ostriche e nelle cozze del nord Europa. Le più pericolose in assoluto sono le microplastiche, vale a dire i frammenti inferiori ai 5 millimetri di lunghezza: l’80% della plastica trovata nel Mediterraneo appartiene a questa categoria.

Foto di Roberto de Martino (Wikimedia Commons)

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile