Ambiente

Amato: “terrorismo si batte rinunciando a combustibili fossili”

dal nostro inviato a Rieti, Emanuele Isonio “Per una ragione o per l’altra il terrorismo che abbiamo davanti vive attraverso finanziamenti che vengono anche ...

Di Martina Valentini
Giuliano Amato a Rieti al XII Forum internazionale Greenaccord dell'Informazione ambientale

dal nostro inviato a Rieti, Emanuele Isonio

Giuliano Amato a Rieti al XII Forum internazionale Greenaccord dell'Informazione ambientale
Giuliano Amato a Rieti al XII Forum internazionale Greenaccord dell’Informazione ambientale

“Per una ragione o per l’altra il terrorismo che abbiamo davanti vive attraverso finanziamenti che vengono anche dalla vendita dei combustibili fossili. Il modo principale per salvare la vita del pianeta è rinunciare all’uso dei combustibili fossili per produrre energia”. Lo ha spiegato Giuliano Amato, attuale membro della Corte costituzionale, due volte presidente del Consiglio e più volte ministro, davanti alla platea di giornalisti ambientali presenti alla seconda giornata di lavori del XII Forum dell’Informazione per la Salvaguardia della Natura, organizzato a Rieti dall’associazione Greenaccord.

“Se noi arriviamo ad avere il coraggio di fare questa scelta – ha osservato Amato – si essicca il finanziamento dell’attuale terrorismo”.

L’ex premier ha poi sottolineato come alla base dell’emergenza climatica ci sono “nostri comportamenti irrazionali difronte alla malattia del mondo, che si sottraggono al principio di responsabilità. C’è bisogno di una etica che ci faccia reimpostare il nostro rapporto con noi stessi e con il mondo che né la scienza né la legge riuscirebbero mai a imporci da soli”. E in tal senso è cruciale il ruolo delle religioni: “Non importa che tu sia credente o non credente. Ha importanza che ciascuno di noi capisca che le leve di cui disponiamo per orientare in modo virtuoso i comportamenti umani sono quelle che sono. La religione è la prima di quelle leve. Se non è una guida morale interna nessuno potrà indurci a cambiare comportamenti”.

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile