Anziani, piazze virtuali contro la solitudine

L'idea di Auser Lombardia: trasformare il televisore da strumento di isolamento a via di comunicazione tra gli anziani, grazie al web

Di Martina Valentini

Combattere la solitudine, consentire il dialogo e il confronto: le nuove tecnologie consentono anche questo. Lo sanno bene i volontari di Auser Lombardia, che stanno lavorando per permettere agli anziani che non si muovono di casa o che risiedono in strutture residenziali di vivere il paese e di comunicare fra di loro o di parlare con un figlio lontano che stanno portando avanti il progetto “Tutti in piazza”.

Si tratta di un sistema di videotelefonia, attivato attraverso l’installazione di Skype, che consente agli anziani a domicilio e a quelli residenti nelle strutture assistenziali inserite nel progetto di dialogare tra loro in videoconferenza utilizzando il televisore, creando così delle piazze virtuali. Ad aiutarli nell’installazione i volontari di Auser e giovani provenienti dalle scuole superiori del territorio adeguatamente formati. Inoltre, grazie alle videoprenotazioni questo sistema permetterà alle farmacie, tramite i volontari Auser, la consegna dei farmaci direttamente a casa degli anziani. A volte basta davvero poco per sentirsi meno soli.

@lamarty_twi

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile