Parte 10
Ambiente

Auto elettriche, dieci itinerari fatti apposta per loro (e uno è nel Sud Italia)

Da Porto a Salerno, passando per Bordeaux. E poi su nella valle del Reno fino ai fiordi norvegesi. Molti luoghi suggestivi a prova di e-car

Di Emanuele Isonio
Uno scorcio di Capua (Caserta)

Ma sarà proprio vero che l’auto elettrica va bene solo in città perché nei percorsi extraurbani è ancora complicato fare rifornimento? Tra mito e realtà, la verità sta nel mezzo ma già oggi l’e-car può essere compagna di viaggio in percorsi affascinanti. Si è divertito a proporre alcuni itinerari turistici in Europa percorribili con un veicolo elettrico il portale Comparethemarket, specializzato nella comparazione delle offerte commerciali di assicurazioni, compagnie elettriche e conti correnti.

Dieci idee di viaggio in nove Stati europei. E l’Italia è uno di questi…

1. Italia: da Roma a Salerno

Itinerario Roma-Salerno

Distanza: 265 km
Tempo: 2 ore e 45 minuti
Numero di stazioni di ricarica: 59
Numero di rifornimenti necessari: 1
 
Dalla Città Eterna al simbolo dell’antica Campania Felix. Di punti di interesse, negli oltre 200 chilometri che separano Roma da Salerno, ce ne sono a bizzeffe. Due su tutte: Capua antica, città sorta nel IX secolo avanti Cristo sul luogo dell’attuale comune campano di Santa Maria Capua Vetere. La città era una delle più grandi dell’Italia antica, dopo Roma.
Una veduta aerea della reggia di Caserta
Una veduta aerea della reggia di Caserta
E poi, poco oltre, c’è Caserta con la sua Reggia; il settecentesco acquedotto Carolino, nato per alimentare il complesso di San Leucio con le acque prelevate dal monte Taburno; il mirabolante museo della seta.

2. NORVEGIA: da Bergen a Trondheim

Itinerario Bergen - Trondheim

Distanza698 km
Tempo: 11 ore
Numero di stazioni di ricarica: 132
Numero di rifornimenti necessari: 2

Ci si trova spesso in mezzo alla natura apparentemente incontaminata ma trovare stazioni di servizio per auto elettriche in Norvegia non è proprio un problema. Il Paese scandinavo è uno dei pochi in cui già oggi possedere un veicolo elettrico costa meno di uno a combustibili fossili. Andare per fiordi sapendo di guidare un veicolo che in quel momento non sta producendo di fatto emissioni nocive può essere un quid in più per godersi il viaggio.

Il viaggio può partire da Bergen, città situata sulla costa sud-ovest della Norvegia. È circondata da montagne e fiordi, tra cui il Sognefjord, il più lungo e profondo di tutto il Paese. Il quartiere di Bryggen, con le case di legno costruite sul vecchio molo, fu un tempo il centro dell’impero commerciale della Lega anseatica. La funicolare Fløibanen sale fino al monte Fløyen, da dove si può godere di una vista panoramica e dove sono possibili diverse escursioni.

Sognefjord il fiordo più lungo della Norvegia
Il Sognefjord, il fiordo più lungo e profondo della Norvegia.

Dall’altro capo del percorso, poco meno di 700 chilometri dopo, c’è invece Trondheim, sull’omonimo fiordo, è la terza per grandezza della Norvegia (nonostante conti appena 130mila abitanti). L’ampia scelta di cose che si possono fare dipende in parte dalla presenza di oltre 30mila studenti, che lasciano il segno in città per l’organizzazione di numerosi eventi e la partecipazione a tutte le altre offerte culturali.

La città spita diverse attrazioni che risultano ogni anno tra le più visitate nella regione di Trøndelag. La cattedrale Nidarosdomen è uno spettacolo imponente. È il santuario nazionale della Norvegia, costruito sulla tomba di Sant’Olav. I lavori iniziarono nel 1070, ma la parte più antica tuttora conservata risale alla metà del XII secolo.

3. SCOZIA: Da Edimburgo a Inverness

Itinerario Edimburgo - Inverness

Distanza: 251 km
Tempo: 3 ore
Numero di stazioni di ricarica: 55
Numero di rifornimenti necessari: 1
La prima delle tre proposte del Regno Unito (chissà per quanto ancora, se la sempre più probabile Hard Brexit provocherà uno scollamento definitivo della Scozia) unisce la città scozzese più nota tra i turisti di tutto il mondo e Inverness, 250 chilometri più a nord.
La capitale della Scozia sorge sul Firth of Forth, il grande estuario del fiume Forth che sfocia nel Mare del Nord, lungo la costa scozzese orientale. Città bellissima e affascinate, dove la storia si respira ovunque. Nei suoi vicoli, nelle sue case e nei suoi musei. E allo stesso tempo, si percepisce la modernità di un centro europeo vivace e multiculturale.
Una delle vie più note della Old Town di Edinburgo
Una delle vie più note della Old Town di Edinburgo

Edimburgo è sempre stata famosa per il suo fermento artistico, architettonico e culturale, tanto da meritarsi il soprannome di “Atene del Nord”. Da non perdere le strade acciottolate della Old Town (Città Vecchia) e ammira lo splendore georgiano della New Town (Città Nuova): entrambe queste aree della città fanno parte del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO.

Ma altrettanto suggestivo è il percorso per arrivare a Inverness, la città più grande nonché capitale culturale delle Highlands scozzesi, situata sulla costa nord-orientale, dove il fiume Ness incontra il Moray Firth: si attraversa la Scozia longitudinalmente, tagliando in due il Cairngorms National Park, il più grande del Paese, ricco di scenari mozzafiato, tra prati coperti di erica a montagne tra le più alte del Regno Unito (che d’inverno ospitano anche qualche pista da sci).
Il Cairngorms National ParkImmancabili anche le molte distillerie che contraddistinguono i vari paesi che si incontrano. E, con una breve deviazione, è possibile anche visitare il Balmoral Castle, che ad agosto ospita immancabilmente la Regina Elisabetta (ed è quindi off limits in quei giorni).

4. INGHILTERRA: da Norwich a Lincoln

Itinerario Norwich - Lincoln

Distanza: 167 km
Tempo: 2 ore e mezza
Numero di stazioni di ricarica: 33
Numero di rifornimenti necessari: 0

Il punto di partenza di questo viaggio – Norwich, una città situata nella contea centro-orientale di Norfolk, sul fiume Wensum nell’Anglia orientale – è noto soprattutto per il suo castello fortificato, eretto tra il 1066 e il 1075, per volere di Guglielmo il Conquistatore, anche se quasi interamente ricostruito tra il 1834 e il 1839. È considerato uno dei migliori esempi di architettura normanna.

Uno scorcio della Suffolk Coast
Uno scorcio della Suffolk Coast

Per raggiungere Londra bastano due ore abbondanti. Ma i luoghi intermedi meritevoli di un pit stop non mancano. Uno su tutti, Cambridge con la sua celebre università. O, se si preferisce la strada costiera, la pittoresca Suffolk Coast.

5. INGHILTERRA: Da Bath a Falmouth

Itinerario Bath - Falmouth

Distanza: 322 km
Tempo: 3 ore e 40 minuti
Numero di stazioni di ricarica: 65
Numero di rifornimenti necessari: 1
Trecento chilometri attraverso l’Inghilterra sudoccidentale nella Penisolda della Cornovaglia. Bath è lo spettacolare centro termale che nel XVIII secolo sorse dove in epoca romana sorgevano le terme costruire ai tempi dell’imperatore Vespasiano nel 75 dopo Cristo. Allora la città si chiamava Aquae Sulis: il suo centro termale era noto in tutto l’Impero romano e frequentato da gente di ogni classe sociale. Il complesso, che comprendeva anche un tempio dedicato all’antica dea celtica dell’acqua e alla dea romana Minerva, rimase in funzione per oltre tre secoli finché le legioni romane non lasciarono la Britannia all’inizio del V secolo.
Le terme di Bath. Credits: VisitEngland/BathTourisPlus/Colin Hawkins
Le terme di Bath. Credits: VisitEngland/BathTourisPlus/Colin Hawkins

Il viaggio permette di addentrarsi in un territorio dall’aspetto selvaggio e affascinante, composto da brughiere e centinaia di spiagge di sabbia che si susseguono fino al promontorio del Land’s End. La costa settentrionale è costellata da imponenti scogliere. In quella meridionale – la Cornish Riviera – si incontrano invece numerosi pittoreschi villaggi come Fowey e Falmouth.

6. OLANDA: da Amsterdam a Maastricht

Itinerario Amsterdam - Maastricht

Distanza: 212 km
Tempo: 2 ore e 10 minuti
Numero di stazioni di ricarica: 250
Numero di rifornimenti necessari: 1
Dalla meta turistica per eccellenza dei Paesi Bassi, giù fin quasi al confine col Belgio, nella città divenuta celebre per il Trattato istitutivo dell’Unione europea.
Uno dei canali di Utrecht. Foto di <a href="https://pixabay.com/it/users/Sabine_Bends-594045/?utm_source=link-attribution&utm_medium=referral&utm_campaign=image&utm_content=2652483">Sabine Bends</a> da <a href="https://pixabay.com/it/?utm_source=link-attribution&utm_medium=referral&utm_campaign=image&utm_content=2652483">Pixabay</a>
Uno dei romantici canali di Utrecht. Foto di Sabine Bends da Pixabay
Lungo il percorso immancabili le tappe a Utrecht, con i suoi palazzi fiamminghi e i canali che ricordano Amsterdam ma che possono godere di un’atmosfera decisamente più intima e romantica, ed Eindhoven, la “Ville Lumiere” d’Olanda. Ma in questo caso il suo soprannome è legato alla presenza della Philips che vi produsse, fin dal 1891, le prime lampadine.

7. GERMANIA: da Francoforte a Hohenschwangau

Distanza: 426 km
Tempo: 4 ore e 15 minuti
Numero di stazioni di ricarica: 91
Numero di rifornimenti necessari: 1

Dal cuore pulsante del potere finanziario europeo, il cui skyline è contraddistinto dall’Eurotower della BCE ma anche dai molti altri grattacieli, che ospitano importanti istituti bancari fino a uno dei più pittoreschi e fiabeschi panorami della Baviera, poco lontano dal confine con l’Austria : il castello di Hohenschwangau, nei pressi di Füssen. Originalmente una fortezza medievale, già nominata nel XII secolo.

Il castello bavarese di hohenschwangau. Foto di <a href="https://pixabay.com/it/users/5350755-5350755/?utm_source=link-attribution&utm_medium=referral&utm_campaign=image&utm_content=2500261">5350755</a> da <a href="https://pixabay.com/it/?utm_source=link-attribution&utm_medium=referral&utm_campaign=image&utm_content=2500261">Pixabay</a>
Il castello bavarese di Hohenschwangau

Nel 1829 fu riscoperto da Massimiliano II che lo fece restaurare. Il maniero fu trasformato in un palazzo, diventando un luogo oggi molto frequentato da turisti. Immancabile la tappa anche al vicino castello di Neuschwanstein. Commissionato dal re Ludovico II di Baviera alla fine dell’Ottocento come ritiro personale ed omaggio al genio del musicista Richard Wagner, è indubbiamente uno dei castelli più visitati in Europa: circa 1,4 milioni di visitatori all’anno, con picchi di 6mila al giorno solo in estate. Celebre soprattutto perché più di tutti ricorda il tipico “castello delle fiabe” (e non a caso ha ispirato molti celebri film di animazione Disney, da Biancaneve a Cenerentola, fino a La Bella e la Bestia.

8. FRANCIA: Da Bordeaux a Marsiglia

Itinerario Bordeaux - Marsiglia

Distanza: 645 km
Tempo: 6 ore
Numero di stazioni di ricarica: 115
Numero di rifornimenti necessari: 2
Dall’Oceano Atlantico al Mediterraneo, tagliando in due la Francia e collegando due delle principali città del Sud del Paese. Bordeaux, dal 2007 nella Lista dei Patrimoni dell’Umanità Unesco, per il valore, la coerenza e l’unità della sua espressione urbanistica (stile classico e neoclassico immutati da due secoli), è un luogo sorprendente e ricca di luoghi da non perdere, a partire dalla città vecchia.
Dirigendosi verso sud est, si rimane affascinati dalla regione vinicola prevalentemente associata ai vini rossi più famosi della Francia e del mondo.
Regione vinicola Bordeaux
Foto di Sergey Nemo da Pixabay
Lungo gli oltre 600 chilometri del viaggio si incontrano almeno quattro città che meritano uno stop: Tolosa, Carcassone, Montpellier e Aix en Provence.
Marsiglia, infine, è stata un crocevia di migrazioni e commercio sin dalla sua fondazione a opera dei Greci nel 600 a.C. Il cuore del centro è il Porto vecchio (Vieux Port), dove i pescivendoli vendono pesce fresco lungo i moli assiepati di barche.

9. PORTOGALLO: da Porto a Lisbona

Itinerario Porto - Lisbona

Distanza: 314 km
Tempo: 3 ore
Numero di stazioni di ricarica: 189
Numero di rifornimenti necessari: 1
Dal Nord del Paese fino alla sua Capitale. Porto è nota per i suoi grandi ponti e la produzione del vino omonimo. Nel quartiere medievale di Ribeira (che significa “riva del fiume”), strette stradine acciottolate passano in mezzo ai caffè e alle case dei vecchi mercanti.
Coimbra Portogallo

Scendendo verso Sud, a metà strada rispetto a Lisbona, si incontra una vera gemma che non può non meritare una sosta: la prima è Coimbra, città sul fiume nel Portogallo centrale ed ex capitale del Paese, è caratterizzata da un centro storico medievale ben conservato oltre al suo storico ateneo.

10. SPAGNA: da Siviglia a Malaga

Itinerario Siviglia - Malaga

Distanza: 204 km
Tempo: 2 ore e 18 minuti
Numero di stazioni di ricarica: 20
Numero di rifornimenti necessari: 1
Appena un paio d’ore separano le due città andaluse di Siviglia e Malaga. Meglio: perché così si può sostare su qualcuno dei tanti borghi che si incontrano. Su tutti: Osuna, nella campiña della provincia di Siviglia. Un luogo pieno di storia, dall’epoca romana in poi, ma diventata nota a livello planetario per una serie tv che è ormai un tormentone ai limiti del fanatismo: “Il Trono di Spade” o “Games of Thrones” per la quale il sipario è calato definitivamente pochi giorni fa.
La città di Osuna, nella campagna andalusa, ha ospitato alcune scene della serie TV Il Trono di spade, 5° stagione.
La città di Osuna, nella campagna andalusa, ha ospitato alcune scene della serie TV Il Trono di spade, 5° stagione.
A Osuna, la troupe girò per un paio di settimane 5 anni fa (era il 2014): quindici giorni che hanno sconvolto la vita del tranquillo paesino, ben presto invaso da migliaia di fan.
Il paese è effettivamente perfetto per le riprese: la Necropoli e il teatro romano, un ricchissimo centro storico cinquecentesco. E poi il Coto de las Canteras: il risultato di continue estrazioni minerarie di roccia. Materiale in gran parte utilizzato per edificare i palazzi del paese. Poi, dopo la conclusione dello sfuttamento minerario, negli Anni 60, si è pensato a un nuovo utilizzo del luogo. La parte esterna della miniera ospita un suggestivo auditorium alto 27 metri. Un esempio perfetto, quanto originale, di rigenerazione urbana.

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile