Ambiente

Borghi italiani Tutelati per legge

Per una volta le reazioni positive su una legge sono unanimi. È il caso della nuova norma “Salva Borghi”: da oggi i Comuni con meno di 5000 ...

Di Martina Valentini
Piccolo borgo di montagna - Foto Emanuele Caposciutti per Agenzia GreenPress EnvironMedia
Piccolo borgo di montagna – Foto Emanuele Caposciutti per Agenzia GreenPress EnvironMedia

Per una volta le reazioni positive su una legge sono unanimi. È il caso della nuova norma “Salva Borghi”: da oggi i Comuni con meno di 5000 abitanti saranno tutelati per legge. La norma vuole contrastare lo spopolamento dei piccoli borghi favorendo le piccole economie locali. I piccoli Comuni potranno promuovere il consumo e la commercializzazione dei prodotti agroalimentari provenienti da filiera corta o quelli il cui luogo di produzione, di coltivazione o di allevamento della materia prima sia situato entro 70 chilometri da quello di vendita e per i quali è dimostrato un limitato apporto delle emissioni inquinanti derivanti dal trasporto. Il testo prevede anche che i piccoli Comuni destinino specifiche aree per la realizzazione dei mercati agricoli per la vendita diretta. Ma queste ‘filiere di prossimità’ e bellezze artisto-culturali vanno anche fatte conoscere, in Italia e all’estero. Per questo è previsto che ogni anno il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, d’intesa con l’Associazione nazionale dei Comuni italiani, le Regioni e le Film Commissions regionali, predisponga iniziative per la promozione cinematografica. Attenzione anche ai piccoli servizi: il piano guarda in particolare al collegamento delle scuole poste in tali aree, all’informatizzazione e alla progressiva digitalizzazione delle attività didattiche e amministrative. Nell’ambito del piano generale dei trasporti e della logistica e dei documenti pluriennali di pianificazione, vanno individuate apposite azioni per le aree rurali e montane, con centri multifunzionali per fornire servizi anche in
materia ambientale, sociale, energetica, scolastica, postale.
“Tre piccoli comuni su quattro sono il territorio di riferimento per gli allevamenti destinati alla
produzione di formaggi o salumi italiani a denominazione di origine (Dop), mentre nel 60 per cento si trovano gli uliveti dai quali si ottengono i pregiati extravergini riconosciuti
dall’Unione Europea.” ad affermarlo è la Coldiretti che esprime soddisfazione per l’approvazione della Legge. Piemonte, Lombardia, Campania e Valle d’Aosta le Regioni con maggiore densità di piccoli comuni. “Ora ci sono le condizioni per recuperare in queste aree i troppi ritardi infrastrutturali e nei servizi offerti con interventi che vanno dalle tecnologie informatiche alle scuole, dagli ospedali alle poste, fino alle edicole”, ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo.

@lamarty_twi

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile