Cina: contro lo smog ‘corridoi’ di ventilazione

Le autorità di Pechino stanno lavorando alla progettazione di corridoi di ventilazione per arginare il problema smog nella capitale cinese. Si tratta di cinque grandi ...

Di User:kallgan (Opera propria) [GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html) o CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/)], attraverso Wikimedia Commons

Le autorità di Pechino stanno lavorando alla progettazione di corridoi di ventilazione per arginare il problema smog nella capitale cinese. Si tratta di cinque grandi corridoi, di 500 metri di larghezza, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa statale Xinhua che però non accenna alla tempistica di realizzazione del progetto.

I cinque imponenti corridoi rappresenteranno “il primo livello” del progetto, spiega il vice direttore della Commissione della pianificazione urbana di Pechino, Wang Fei e collegheranno molti parchi, laghi fiumi e i quartieri verdi delle aree centrali di Pechino. Saranno controllati rigidamente e verranno liberati da qualsiasi ostacolo che possa impedire la circolazione dell’aria. Wang Fei ha inoltre affermato che essi si affiancheranno ad alcuni corridoi di secondo livello di 80 metri di larghezza. La “rete” sarà poi completata da altri di terzo livello.

L’inquinamento atmosferico delle metropoli cinesi è tema di forte dibattito e di attenzione popolare, sono state infatti numerose le proteste pubbliche organizzate, che hanno denunciato il degrado ambientale del Paese. Ma il governo cinese ha promesso di ridurre del 40% l’inquinamento entro il 2020 e un funzionario del ministero dell’Ambiente, secondo quanto riportato da Reuteurs, ha pubblicamente dichiarato lo scorso venerdì che lo stato dell’aria è migliorato negli ultimi 2 anni.

In ogni caso, la capitale cinese è spesso nella top list delle città più inquinate del mondo, l’industria pesante incide in modo ancora preoccupante, le emissioni dei veicoli contribuiscono a questo preoccupante primato, e i livelli di smog spesso coincidono con i periodi di poco vento.

L’agenzia di stampa ha inoltre ricordato che nel corso del 2016 saranno chiuse 2500 piccole imprese molto inquinanti, come parte del progetto di impegni per contrastare l’inquinamento.

@lamarty_twi