Ambiente

Acqua: è crisi idrica per 4 miliardi di persone

Almeno due terzi della popolazione mondiale, oltre 4 miliardi di persone, vive in condizioni di grave scarsità di acqua per almeno un mese ogni anno. Lo ...

Di Martina Valentini
By I, Yorian, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=276052

Almeno due terzi della popolazione mondiale, oltre 4 miliardi di persone, vive in condizioni di grave scarsità di acqua per almeno un mese ogni anno. Lo svela uno studio dell’Università di Twente (Olanda) pubblicato su Science, il primo ad esaminare la carenza idrica globale su base mensile, e che ha preso in esame tutti dati dal 1996 al 2005. Dalla ricerca emerge che 500 milioni di persone vivono in luoghi dove il consumo di acqua è doppio rispetto alla quantità fornita dalla pioggia in un anno, e ciò grava pesantemente sulle falde acquifere sotterranee.

I Paesi con le risorse idriche più fragili sono India e Cina, ma anche Stati Uniti, Australia e la città di Londra rappresentano aree delicate, che peggiorano velocemente.

F1.largeE di crisi idriche si è parlato anche nel recente World Economic Forum, che ha posto sul podio il problema acqua, insieme ai cambiamenti climatici e alle migrazioni: ci sono Paesi, come la Siria, in cui i tre problemi si uniscono ed aree come lo Yemen dove l’acqua potrebbe esaurirsi nel giro di pochi anni, così come in Pakistan, l’Iran, Messico e Arabia Saudita.

Il nuovo lavoro ha anche mostrato che 1, 8 miliardi di persone vivono in condizioni idriche precarie per almeno sei mesi all’anno. L’ agricoltura è l’attività che impiega maggiormente l’acqua, e la popolazione mondiale, in forte crescita, richiede più cibo, le diete cambiano perché con l’aumento del reddito si mangia più carne.

“Farsi una doccia più breve o una in meno non sarà la risposta al problema globale”, ha detto il professor Arjen Hoekstra dell’Università di Twente, che ha guidato la ricerca, perché solo 1-4% di impronta idrica di una persona è in casa, mentre il 25% è deciso dal consumo di carne. Per fare 1 kg di carne di manzo occorrono oltre 15.000 litri d’acqua, pari a quella necessaria per irrigare le colture per alimentare il bestiame. Altro aspetto affrontato dalla ricerca è la scarsità di acqua dei bacini fluviali, che può avere un impatto devastante sulla salute dei pesci.

F2.large

F3.large

@lamarty_twi

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile