Ambiente

Eolico sempre più competitivo: attrae 100 miliardi di investimenti ogni anno

Frost & Sullivan: A fine 2016 più di 80 paesi avevano installato parchi eolici e circa 26 disponevano di oltre 1GW in esercizio.

Di Martina Valentini
Parco eolico, centrale eolica di Frigento (AV)

Big data, IoT e materiali di ultima generazione: tutti elementi decisivi per sostenere lo sviluppo dell’energia eolica, che sta diventando una fonte sempre più competitiva rispetto ai combustibili tradizionali. Secondo una recente analisi di Frost & Sullivan, The Global Wind Power Market, Forecast to 2025, il mercato eolico globale ha registrato una crescita straordinaria evidenziando un incremento di più della metà della capacità di energia eolica mondiale negli ultimi cinque anni. Il mercato eolico globale, onshore e offshore, è sostenuto da varie iniziative governative mirate a migliorare la sicurezza energetica e, in particolare, a ridurre il consumo di carbone a causa delle crescenti preoccupazioni per i cambiamenti climatici e l’inquinamento atmosferico. A fine 2016 più di 80 paesi avevano installato parchi eolici e circa 26, rappresentanti ogni regione, disponevano di oltre 1 gigawatt (GW) in esercizio. 

“L’integrazione con la rete elettrica, il ritiro degli incentivi governativi, l’instabilità politica e la riduzione dei progetti eolici rimangono sfide cruciali per le compagnie che operano nel mercato eolico globale,” osserva Swagath Navin Manohar, Industry Analyst di Frost & Sullivan. “Tuttavia, sono presenti importanti opportunità nei servizi abilitati per l’IoT all’interno del settore eolico globale.” La ricerca infatti prevede che il mercato globale dei servizi di energia eolica raggiungerà i 24,97 miliardi di dollari entro il 2025, in crescita rispetto ai 9 miliardi del 2016, spinto dalle vecchie installazioni in Europa e America del Nord e da nuovi sostanziali ampliamenti di capacità in Asia. Si stima che il 45,9 percento dei ricavi totali a livello globale verrà prodotto dall’America del Nord e dall’Europa, mentre la Cina inciderà per il 39,3 percento sul fatturato totale nel 2025. In più, con il crescere del livello di competitività dell’energia eolico rispetto ai combustibili convenzionali, l’analisi prevede che il settore sarà in grado di attirare investimenti da 100 miliardi di dollari ogni anno fino al 2025.

L’Internet of Things (IoT), gli analytics, l’elaborazione di modelli predittivi e i materiali compositi leggeri di ultima generazione sono alcune delle innovazioni dirompenti che nascono per rispondere a sfide specifiche nell’industria e che potrebbero generare nuove opportunità di ricavo per i partecipanti al mercato concorrenziale. Attraverso la connettività IoT gli sviluppatori di parchi eolici possono monitorare in maniera efficace le prestazioni delle turbine eoliche e dei relativi dispositivi connessi installati in luoghi remoti senza che sia necessario alcun intervento manuale. Anche gli analytics e il cloud generano alcune opportunità in quanto gli analytics predittivi sono diventati un’offerta primaria nei mercati dell’energia eolica, finalizzata principalmente alla riduzione dei guasti e al miglioramento dell’efficienza operativa delle turbine eoliche. Anche i materiali di ultima generazione offriranno aree di opportunità da esplorare con sempre più innovazioni nella scienza dei materiali e minori costi dell’eolico; le turbine continueranno a crescere in dimensioni e includeranno luci e pale flessibili. 

@lamarty_twi

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile