Finanza etica

«Finanza, fuori controllo fino al 75% delle transazioni»

Oltre la metà delle transazioni finanziarie che sono realizzate quotidianamente in tutto il mondo sono effettuate in modo oscuro, su piattaforme non ufficiali e per ...

Di Redazione


Oltre la metà delle transazioni finanziarie che sono realizzate quotidianamente in tutto il mondo sono effettuate in modo oscuro, su piattaforme non ufficiali e per questo risultano al di fuori dei controlli degli organismi di vigilanza. A lanciare l’ennesimo allarme sulla finanza “opaca” è stato ieri il presidente dell’Autorità per i Mercati Finanziari (AMF) francese, Jean-Pierre Jouyet.

Secondo il dirigente, che ha spiegato il proprio punto di vista in un’intervista rilasciata all’emittente Europe 1, «è possibile considerare che una percentuale compresa tra il 50 ed il 75% delle compravendite sia eseguita sulla base di accordi presi tra le parti, senza che i regolatori siano in alcun modo informati e senza che su tali affari possano essere esercitati i normali poteri di controllo». 

Tra le ragioni che producono tale stortura Jouyet indica l’eccessiva «concentrazione finanziaria». «È estremamente chiaro che esiste una concezione liberale di stampo anglosassone che domina il mondo finanziario», ha aggiunto il presidente dell’AMF, facendo riferimento alle politiche eccessivamente basate sul laissez-faire. Al contrario, ha concluso, «occorre una cooperazione a livello europeo ed internazionale dal punto di vista regolatorio». 

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile