Finanza etica

FT, Spagna: l’immobiliare rivede la luce

Il settore edilizio spagnolo “risorge dalle proprie ceneri”. Lo scrive il Financial Times sottolineando il recente successo dell’azienda di costruzioni Neinor Homes, creatura della ...

Di Matteo Cavallito
Madrid. Foto: Carlos Delgado Wikimedia Commons
Madrid. Foto: Carlos Delgado Wikimedia Commons

Il settore edilizio spagnolo “risorge dalle proprie ceneri”. Lo scrive il Financial Times sottolineando il recente successo dell’azienda di costruzioni Neinor Homes, creatura della società Usa di private equity Lone Star, quotata da sei mesi circa alla borsa di Madrid (+13% da allora). L’ascesa della compagnia, sottolinea il quotidiano britannico, è sintomatica del trend di ripresa che caratterizza il settore, con i prezzi degli immobili che hanno fatto registrare quest’anno una risalita del 3% dopo il +2% del 2016. I rialzi sono modesti, certo. Ma dopo 8 anni di ribassi – dal 2007 al 2015 i prezzi medi sono calati del 35% – il cambio di rotta resta significativo.

Per anni ricorda il FT, il settore edilizio spagnolo è cresciuto a dismisura sotto la spinta del credito facile. La crisi ha spazzato via molti operatori lasciando sul terreno vere e proprie città fantasma fatte di immobili disabitati e privi di mercato. L’avvio del piano di smaltimento dei crediti deteriorati ha coinvolto inizialmente grandi società estere – come Goldman Sachs, Cerberus Capital e Blackstone – che hanno acquisito crediti e immobili sottostanti aprendo la strada, successivamente, ai fondi di investimento locali tra cui Axiare, Merlin Properties, Hispania e Lar España. I profitti complessivi di questi quattro, scrive il FT, sono già aumentati del 50% rispetto allo scorso anno. La ripresa, in ogni caso, non appare omogenea. Nei grandi centri urbani, nota ancora il quotidiano, la domanda ha iniziato a superare l’offerta spingendo così i prezzi al rialzo; nelle aree rurali, al contrario, la vasta presenza di immobili invenduti continua a rappresentare un ostacolo per il rilancio del settore.

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile