GB, crollano ancora i prezzi delle case: -10%

A spingere al ribasso il settore è stato lo stesso sistema economico inglese, che nel quarto trimestre del 2008 ha registrato la peggiore contrazione dal 1980

Di Redazione


Crollano ancora i prezzi delle case in Gran Bretagna. Nel mese di gennaio, il mercato immobiliare inglese è sceso del 10%, attestantosi al livello più basso registrato dal 2001. Il costo medio di un’abitazione nel Regno Unito è così sceso a 157 mila sterline, secondo uno studio di Hometrack Ltd che ha interpellato 5.800 agenti immobiliari in dieci regioni della Gran Bretagna.

A spingere al ribasso il settore è stato lo stesso sistema economico inglese, che nel quarto trimestre del 2008 ha registrato la peggiore contrazione dal 1980, con il tasso di disoccupazione salito ai massimi dell’ultimo decennio. «Dati che, per tutto il 2009, influenzeranno fortemente il mercato immobiliare inglese. Finché non si ristabilirà fiducia nei consumatori, la situazione rimarrà quella attuale», ha dichiarato RIchard Donnell, direttore di Hometrack, all’agenzia Bloomberg.

Nel frattempo, i pignoramenti sono saliti del 3, 47% negli ultimi tre mesi del 2008, e del 2, 77% nel terzo trimestre dello stesso anno. Allo stesso modo, il numero di persone in ritardo nel pagamento delle rate del proprio mutuo di più di 90 giorni è crescito del 12, 46%

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile