Ambiente

Germania a Tesla: non lo chiami più “Autopilot”

Tesla non utilizzi più il termine ” Autopilot“, cioè ” pilota automatico“, per pubblicizzare il software di guida assistita disponibile sulle sue vetture in Germania. Questa la ...

Di Corrado Fontana
auto elettrica Tesla S. CC0 Public Domain da Pixabay
auto elettrica Tesla S. CC0 Public Domain da Pixabay
auto elettrica Tesla S. CC0 Public Domain da Pixabay

Tesla non utilizzi più il termine ” Autopilot“, cioè ” pilota automatico“, per pubblicizzare il software di guida assistita disponibile sulle sue vetture in Germania. Questa la richiesta della Federal Motor Transport Authority (KBA) alla nota casa automobilistica produttrice di automobili in commercio con motorizzazione elettrica e servizi di assistenza alla guida.

L’autorità federale ai trasporti tedesca sostiene infatti che il termine risulti “fuorviante”, suscitando nei clienti ” aspettative non corrette” – riporta BBC online – che potrebbero portarli a non concentrarsi adeguatamente sulla strada, affidandosi eccessivamente ai servizi di guida assistita forniti dal software cosiddetto “Autopilot”, che interviene coadiuvando l’automobilista nel mantenere l’auto sulla corsia di marcia, nel regolare la velocità in relazione alla presenza di altri veicoli e nel cambiare corsia limitando l’intervento del conducente.

Sebbene la compagnia automobilistica americana abbia sottolineato come ai suoi clienti non manchi di ricordare che devono sempre tenere le mani sul volante e che il software “Autopilot” debba essere utilizzato solo in autostrada, e che chi guida deve comunque prestare la massima attenzione alla strada, l’operato della società è sotto osservazione a seguito di alcuni incidenti in cui sono state coinvolte anche autovetture Tesla.

Una situazione di leggera tensione, quindi, che potrebbe aver contribuito – insieme alla volontà di creare l’attesa – alla decisione di Elon Musk,  CEO della casa automobilistica californiana, di rimandare una importante presentazione inizialmente prevista già per ieri.

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile