Ambiente

IARC: Il glifosato è un «probabile cancerogeno»

Il glifosato, principio attivo di uno degli erbicidi più diffusi al mondo, è stato classificato come “potenziale cancerogeno per gli esseri umani” in un report stilato ...

Di Valentina Neri


Il glifosato, principio attivo di uno degli erbicidi più diffusi al mondo, è stato classificato come “ probabile cancerogeno per gli esseri umani” in un report stilato da alcuni ricercatori dell’ Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC).
La IARC, che fa parte dell’ Organizzazione mondiale della sanità, ha diffuso la notizia al termine di un meeting in cui 17 esperti, provenienti da undici Paesi, si sono riuniti per valutare se sussistono le evidenze scientifiche per valutare come possibili cancerogeni cinque pesticidi. I test effettuati in laboratorio hanno dimostrato che il glifosato danneggia il DNA delle cellule umane e di altri mammiferi. Lo studio, riportato da Al Jazeera, cita alcune rilevazioni condotte su lavoratori esposti al glifosato in Canada, Stati Uniti e Svezia, che hanno sviluppato una maggiore vulnerabilità al linfoma non Hodgkin.
Tali scoperte non possono non destare scalpore. Il glifosato infatti è il principio attivo del Roundup della Monsanto, il diserbante più venduto al mondo. Philip Miller, vicepresidente per gli affari regolatori globali per il colosso dell’agrochimica, tramite una nota ha dichiarato: «Non sappiamo come la IARC possa arrivare a conclusioni che si distaccano in modo così netto da quelle raggiunte da tutte le agenzie regolatori del mondo».

Foto: Wikimedia Commons (pubblico dominio)

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile