La Royal assume la presidenza della COP21

La ministra dell’Ambiente francese, Ségolène Royal, ha annunciato questa mattina che assumerà la presidenza della COP21, la conferenza sul clima, dopo il ...

By Guillaume Paumier (user:guillom) (Own work) [CC BY 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by/3.0) or GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html)], via Wikimedia Commons

La ministra dell’Ambiente francese, Ségolène Royal, ha annunciato questa mattina che assumerà la presidenza della COP21, la conferenza sul clima, dopo il ritiro dell’ex ministro degli Esteri, Laurent Fabius, annunciato lunedì sera. “E’ vero – ha dichiarato alla televisione iTelé la ministra, ex compagna di Francois Hollande – il presidente mi ha proposto di assumere questa responsabilità e io ho accettato”. Fabius ha rinunciato dopo la polemica sul cumulo delle sue cariche, che aveva visto in prima fila – contraria al mantenimento della poltrona della conferenza sul clima da parte dell’ex capo del Quai d’Orsay – proprio la Royal, ma ha ricevuto elogi per i soddisfacenti risultati ottenuti lo scorso dicembre a Parigi
La Royal ha dichiarato ad iTele che lavorerà per ottenere, da parte di tutti i Paesi coinvolti, la firma e la messa in atto di tutte le decisioni assunte nella conferenza di Parigi. Staremo a vedere. Il 22 aprile è alle porte, e la sigla formale dell’accordo è prevista a New York, all’ONU.
Martedì scorso, l’incaricato sul clima del presidente degli Stati Uniti Barack Obama, Todd Stern, ha detto che Washington firmerà l’accordo di Parigi a prescindere dalla decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti della scorsa settimana, che ‘sospende’ la messa in atto di alcune delle politiche ambientali di Obama.