Lab

MAPPA / COLTIVAZIONI BIO NEL MONDO

di Matteo Cavallito 78 milioni di ettari. È l’estensione complessiva delle terre gestite dal settore della produzione biologica su scala globale. Lo segnala l’ultimo rapporto ...

Di Matteo Cavallito
da Valori n. 128, maggio 2015

di Matteo Cavallito

da Valori n. 128,   maggio 2015
da Valori n. 128, maggio 2015

78 milioni di ettari. È l’estensione complessiva delle terre gestite dal settore della produzione biologica su scala globale. Lo segnala l’ultimo rapporto congiunto FiBL (Forschungsinstitut für biologischen Landbau) – Ifoam (International Federation of Organic Agriculture Movements) sui dati 2013, l’ultimo anno per il quale sono disponibili le cifre complete. 35 milioni di ettari, nel dettaglio, sono dedicati al pascolo e ad altre attività non agricole. I restanti 43 sono destinati invece alle coltivazioni, due terzi delle quali collocate in Europa e in Oceania, con l’Australia (oltre 17 milioni di ettari) a guidare la classifica per nazioni davanti ad Argentina (3, 2 milioni), Stati Uniti (2, 2) e Cina (2, 1). Particolarmente significativa la graduatoria in termini relativi: nelle isole Falkland, le coltivazioni bio si estendono sul 36, 3% dei terreni agricoli totali. Un primato assoluto in un contesto mondiale dominato dall’Europa, grazie soprattutto al contributo di Liechtenstein (31%), Austria (19, 5%), Svezia (16, 3%), Estonia (16%) e Svizzera (12, 2%).

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile