Finanza etica

MAPPA / Terremoto sulla Grecia

di Andrea Barolini Due Paesi come Francia e Germania non detenevano neppure un euro di debito greco nel dicembre del 2009,  mentre le loro banche ne ...

Di Corrado Fontana
Mappa terremoto economico e finanziario del debito in Grecia: i fattori chiave. Da Valori 131 di settembre 2015

di Andrea Barolini

Mappa terremoto economico e finanziario del debito in Grecia: i fattori chiave
Mappa terremoto economico e finanziario del debito in Grecia: i fattori chiave

Due Paesi come Francia e Germania non detenevano neppure un euro di debito greco nel dicembre del 2009,  mentre le loro banche ne possedevano rispettivamente 79 e 45 miliardi. Cinque anni dopo, i rapporti si sono invertiti: le banche francesi sono scese a 1, 81 miliardi,  quelle tedesche a 13, 51 miliardi. Mentre i bilanci statali dei due Paesi hanno incamerato esposizioni pari a 46, 5 e 62 miliardi. Di fatto, un immenso travaso di titoli “tossici” dai bilanci bancari a quelli statali (ovvero da soggetti privati alla collettività). Si tratta solo di uno dei molti volti della crisi greca. Fatta anche di migliaia di suicidi, di tasse sui poveri aumentate del 337%, di investimenti scesi del 40%, di Pil crollato del 25%, di milioni di persone che non possono curarsi, di una recrudescenza dell’ Aids,  di condomini ateniesi che tengono le caldaie spente in inverno, di luce elettrica staccata a 30mila famiglie al mese. E, a fronte di tale stretta draconiana, non si è neppure risolto il problema dei conti pubblici, che anzi sono peggiorati. Perché, nel rapporto debito/Pil,  il rigore ha inciso talmente tanto sul denominatore Pil da rendere vani gli sforzi effettuati sul numeratore debito.

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile