Ambiente

Gotha multinazionali: dal 2006 più web che petrolio

Come è cambiato negli ultimi 10 anni The Global 2000”, il ranking annuale di Forbes delle multinazionali più grandi e potenti del pianeta? Semplice, addio petrolio, benvenuta tecnologia. ...

Di Corrado Fontana
Come cambia la gerarchia delle multinazionali 2006-2016,   petrolio giù,   web e hitech su - fonte STATISTA
Come cambia la gerarchia delle multinazionali 2006-2016, petrolio giù, web e hitech su – fonte STATISTA

Come è cambiato negli ultimi 10 anni The Global 2000”, il ranking annuale di Forbes delle multinazionali più grandi e potenti del pianeta? Semplice, addio petrolio, benvenuta tecnologia. Questo in sintesi è successo a guardare infatti la classifica delle 5 aziende di maggior valore nel 2006 in confronto col 2016.

A ricordarlo è una nota diffusa dall’ufficio studi del fondo di venture capital specializzato in investimenti in società digital e technology driven P101 che si rifà al World Economic Forum, la quale sottolinea come nel 2006 il gigante petrolifero ExxonMobil fosse in testa alla lista delle aziende più quotate del mondo mentre Microsoft era l’unica compagnia tech ad apparirvi. E invece, ad agosto 2016, lo scenario è profondamente mutato: Apple, Alphabet di Google, Amazon e Facebook – tutte americane – dominano la lista, mentre ExxonMobil è l’unica compagnia petrolifera rimasta nella top five. E la stessa ExxonMobil,  per un breve momento il 1 agosto 2016, dopo che i suoi profitti erano crollati,  si era persino trovata al sesto posto.

E se nessuna impresa italiana si trova nel gotha delle prime cinque Forbes, tocca accontentarsi delle sette società di casa nostra (una entro i top 20 e quasi tutte entro i primi 80 posti) che invece popolano l’ultima edizione della Technology Fast 500 Emea della multinazionale di analisi finanziarie Deloitte, che premia le 500 aziende tecnologiche internazionali con la più veloce crescita di fatturato negli ultimi 4 anni.

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile