Roma Tre inaugura il car sharing per studenti

Il car sharing entra all’università e si mette a disposizione degli studenti. Trenta veicoli e trenta postazioni di ricarica installate presso 4 parcheggi dell’ateneo: ...

Il car sharing entra all’università e si mette a disposizione degli studenti. Trenta veicoli e trenta postazioni di ricarica installate presso 4 parcheggi dell’ateneo: a disposizione degli utenti 10 Zoe e 20 Twizy elettrici Renault. Protagonista dell’iniziativa, presentata durante la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile è l’ Università degli Studi Roma Tre che ha annunciato i dettagli del progetto E-Go, servizio di auto condivise 100% elettrico riservato a docenti, studenti e personale amministrativo.

Il progetto prevede una fase di test in cui cento utenti selezionati da Roma Tre potranno provare il servizio e diventare portavoce dell’iniziativa. Dal 16 ottobre il car sharing elettrico sarà aperto a tutti sia per gli spostamenti universitari sia per l’utilizzo privato, anche nel weekend. Per la ricarica dei veicoli elettrici potranno essere utilizzate anche le stazioni della rete esterna all’ateneo. Il servizio sarà gratuito fino al 31 dicembre 2016. Dal 1 gennaio 2017 saranno invece applicate delle tariffe ad hoc (noleggio a minuto e tariffa giornaliera).

Il progetto prevede inoltre la creazione di un think tank di studenti dedicato alla mobilità elettrica, che svolgerà anche l’analisi scientifica dei dati di utilizzo del servizio. I componenti saranno protagonisti di una campagna promozionale del servizio all’interno dell’ateneo e contribuiranno alla creazione di un ecosistema nel quale sviluppare idee innovative di mobilità. Gli studenti inoltre saranno inseriti in un percorso virtuoso di formazione su tematiche inerenti mobilità sostenibile e sharing economy, con la possibilità di partecipare a talk dedicati con manager Enel e altre personalità del mondo dell’impresa, accademico, istituzionale. Ai componenti del gruppo sarà riservata la possibilità di essere inseriti in progetti innovativi di ricerca.

“Anche un progetto come questo, che coniuga il diritto allo studio alla mobilità ecosostenibile, realizza in concreto quella “terza missione” delle università che punta a creare un collegamento virtuoso con ambiente e società, ha dichiarato il rettore di Roma Tre, Mario Panizza. “Spero che gli studenti sappiano apprezzarlo e che possa essere presto implementato per raggiungere quanti più utenti possibile.”
@lamarty_twi