Scarpe sostenibili anche per chi le fa. A Torino il 21/11

Manca poco ormai all’appuntamento con  Change Your Shoes (cioè, letteralmente, Cambia le tue scarpe). La campagna internazionale che mira a cambiare non solo le ...

Di Corrado Fontana
Un frame dal video spot della a campagna Change Your Shoes di Abiti Puliti
Programma completo di COME AND SHARE YOUR VOICE - Torino 21-11-2015 - Campagna CHANGE YOUR SHOES di Abiti Puliti
Programma completo di COME AND SHARE YOUR VOICE – Torino 21-11-2015

Manca poco ormai all’appuntamento con  Change Your Shoes (cioè, letteralmente, Cambia le tue scarpe). La campagna internazionale che mira a cambiare non solo le calzature che indossiamo ma il modo di produrle, approda infatti a Torino il 21 novembre 2015. E ci arriva con un grande evento di informazione e sensibilizzazione:  Come and Share Your Voice, organizzato da Fair e Cnms.

Perché la filiera internazionale del cuoio e delle concerie, che lavora per realizzare le scarpe che acquistiamo nei negozi, utilizza ancora largamente (per oltre l’80-85%) sostanze cancerogene come il Cromo esavalente (Cromo VI) e impiega manodopera sfruttata e sottopagata, soprattutto cinese e del sudest asiatico.

Analisi indicativa del valore di un paio di scarpe da ginnastica - Campagna CHANGE YOUR SHOES di Abiti Puliti
Analisi indicativa del valore di un paio di scarpe da ginnastica – Campagna CHANGE YOUR SHOES di Abiti Puliti

I numeri li fa Abiti Puliti, ovvero l’emanazione italiana della Clean Clothes Campaign, che da anni è in prima linea per i diritti dei lavoratori della filiera del tessile e della moda, a partire dalle tragedie connesse alla mancanza di sicurezza nei laboratori di confezionamento (garment factories), come Rana Plaza in Bangladesh.

Per un paio di scarpe da tennis vendute a un prezzo medio di 120 euro in negozio solo 2, 5 euro sono destinati a chi materialmente le realizza, e la situazione dei salari medi di questi lavoratori mostra soglie ben al di sotto della sussistenza.

A Torino, naturalmente, ci saranno  Valori,  che di questi temi non ha mai smesso di occuparsi, e il direttore Andrea Di Stefano. Con Change your Shoes, promossa da 15 organizzazioni europee e 3 asiatiche che si occupano di diritti umani e diritti dei lavoratori, e Abiti Puliti, che presenterà la propria inchiesta sull’Italia delle concerie e delle calzature, e si discuterà di come diffondere una catena di fornitura etica e sostenibile nel settore.

Qui il programma completo di Come and Share Your Voice,  qui la possibilità di confermare la partecipazione e di inviare all’indirizzo [email protected] i vostri contributi  alla discussione (video, documenti, spunti di riflessione), entro il giorno prima dell’appuntamento.

E per approfondimento:
COME CALZA LA TUA SCARPA? Uno sguardo sulla produzione calzaturiera mondiale

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile