Ambiente

Sisma, solidarietà tra pastori a base di… paglia

Mentre nel Centro Italia la terra continua a tremare, con nuove scosse con epicentro tra Rieti e l’Umbria, non si fermano le azioni di ...

Di Martina Valentini
Foto: archivio Coldiretti

Mentre nel Centro Italia la terra continua a tremare, con nuove scosse con epicentro tra Rieti e l’Umbria, non si fermano le azioni di solidarietà che continuano a portare sollievo e soccorso alle popolazioni, agli animali e alle terre colpite dal sisma del 24 agosto. Per aiutare gli allevatori terremotati in vista dell’abbassamento delle temperature e la difficoltà per trovare il cibo per gli animali, arrivano stamani trentamila chili di paglia e fieno per assicurare l’alimentazione del bestiame delle stalle distrutte di Amatrice. L’iniziativa è di alcuni pastori marchigiani della Coldiretti che hanno deciso di privarsi di parte del loro raccolto e partire per Amatrice con un concreto segno di solidarietà ai colleghi che hanno visto le proprie attività danneggiate dal sisma.

Foto: archivio Coldiretti
Foto: archivio Coldiretti

Il carico arriverà stamani ad Amatrice nel piazzale davanti alla tensostruttura realizzata dalla Coldiretti vicino al cimitero per conservare i mangimi necessari per sfamare degli animali durante l’inverno nelle aree del sisma.

L’arrivo delle basse temperature rischia – sottolinea Coldiretti – di aggravare una situazione già difficile dopo che si è già ridotta la produzione di latte a causa dello stress al quale sono stati sottoposti gli animali.

Il terremoto – ricorda Coldiretti – ha colpito un territorio a prevalente economia agricola con una significativa presenza di allevamenti di pecore e bovini che occorre ora sostenere concretamente per non rassegnarsi all’abbandono e allo spopolamento. Da qui la necessità che la ricostruzione vada di pari passo con la ripresa dell’economia che in queste zone significa soprattutto cibo e turismo. Valori aveva segnalato nei giorni scorsi un’iniziativa di solidarietà per gli allevatori e produttori di formaggio.

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile