Sudafrica, rinoceronti in vendita per aggirare il bracconaggio

I parchi nazionali del Sudafrica hanno emesso un bando per cedere ad acquirenti privati duecento rinoceronti. Lo scopo è quello di trasferirli in aree in cui ...

I parchi nazionali del Sudafrica hanno emesso un bando per cedere ad acquirenti privati duecento rinoceronti. Lo scopo è quello di trasferirli in aree in cui siano più al sicuro dai bracconieri, che l’anno scorso sono stati responsabile di una vera e propria strage di animali.
A dare la notizia è l’agenzia Bloomberg, che ha intervistato Gerry Swan, a capo dell’ente che riunisce i parchi nazionali del Paese. Il trasferimento degli animali – ha dichiarato – inizierà il prossimo mese di marzo e in questa fase si stanno ancora valutando le possibili destinazioni. Pur di tentare di tutelare la specie, il governo del Paese africano si è spinto a schierare le forze armate nel Parco nazionale Kruger, la più grande riserva naturale del Sudafrica. Le sanzioni per i bracconieri sono state inasprite e già una cinquantina di esemplari è stata spostata verso zone più sicure.
Solitamente gli animali vengono uccisi coi fucili automatici per vendere i loro corni in Cina e Vietnam, dove si ritiene che possiedano proprietà curative. Le cifre del massacro sono allarmanti: lo scorso 20 novembre si stimava che dall’inizio dell’anno fossero stati uccisi nel solo Sudafrica 1.020 esemplari, vale a dire il 5% della popolazione totale.

Foto: James Temple
Fonte: Wikimedia Commons