Svezia, ad agosto progressiva uscita dello Stato da Nordea

Il governo svedese ha fatto sapere di voler ridurre ulteriormente la propria quota di capitale controllata in Nordea AB: la cessione potrebbe essere effettuata alla ...

Il governo svedese ha fatto sapere di voler ridurre ulteriormente la propria quota di capitale controllata in Nordea AB: la cessione potrebbe essere effettuata alla metà di agosto, e secondo l’esecutivo di Stoccolma aiuterà il settore finanziario a migliorare il proprio posizionamento sui mercati internazionali. Ad annunciarlo è stato il ministro delle Finanze Peter Norman, che ha tuttavia sottolineato come fossero frutto di speculazioni le voci che parlavano di una vendita effettuata già nei prossimi giorni. Secondo il responsabile economico dell’esecutivo scandinavo, infatti, attualmente le condizioni del mercato non sono ancora sufficientemente favorevoli.

Lo Stato svedese detiene una partecipazione pari al 13, 4% nell’istituto di credito (il più grande del Paese in termini di capitalizzazione), per un valore pari a 36 miliardi di corone (5, 64 miliardi di dollari). Si tratta di titoli che erano stati acquisiti nel corso dei mesi più duri della crisi, al fine di garantire un supporto al settore. Nel mese di febbraio di quest’anno era già stata effettuata una riduzione della quota pubblica di 255 milioni di azioni, che ha fruttato al Tesoro di Stoccolma 19 miliardi di corone (fino a quel momento la partecipazione in mani statali era pari al 19, 8%).

Tecnicamente, il governo ha pianificato una cessione effettuata a piccole tranche, giorno dopo giorno, al fine di minimizzare l’impatto sul titolo.