Energia

Usa, ancora stop per la centrale di Fort Calhoun. Ma non è la sola

Il Distretto energetico pubblico di Omaha dovrà attendere ancora per il riavvio del reattore da 482 megawatt di Fort Calhoun: la società di gestione ha "scoperto ...

Di Corrado Fontana


La dichiarazione viene riportata da Bloomberg ed è di Jeff Hanson, portavoce di Exelon Corp. (EXC), la società di gestione dell’impianto, sottolineando che la ripresa delle attività della centrale atomica situata a una trentina di chilometri dalla cittadina del Nebraska, è ora prevista entro il primo trimestre del 2013.

Ma la notizia non è più così inaspettata, e anzi potrebbe far sorgere qualche dubbio. L’avvio della centrale era stato già previsto lo scorso settembre, ma slittò a questo dicembre per motivi tecnici, giustificando il ritardo con la necessità di «migliorare l’affidabilità di base del generatore diesel e lavorare su questioni di contenimento "struttura interna”», secondo una presentazione 13 settembre alla Commissione di regolamentazione del settore nucleare americana. L’impianto di Fort Calhoun, chiuso per lavori dopo le inondazioni del fiume Missouri che, lo scorso anno, avevano provocato un blocco dei rifornimento, prima di ricevere il nulla osta al riavvio dovrà comunque subire un ulteriore esame da parte dalla commissione.

La società di gestione potrà ora dedicarsi alla manutenzione degli apparati di contenimento, ha dichiarato Hanson: lavori che includono una maggior protezione dalle inondazioni, il miglioramento dei sistemi elettrogeni di emergenza del generatore diesel e uno sviluppo della struttura di contenimento.

Fort Calhoun è solo uno dei reattori nucleari inattivi da tempo a causa di problemi meccanici, aggiungendosi alla centrale di Crystal River 3 (838 megawatt, gestita da Duke Energy Corp. – DUK), in Florida, chiusa a ottobre 2009, dopo il ritrovamento di una crepa nel muro di contenimento, e ai due reattori dell’impianto di San Onofre (2150 megawatt), dove Edison International (EIX) aveva rilevato una usura anomala sui tubi che portano acqua radioattiva.

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile