Ambiente

Usa, chiude (parzialmente) la banca dei poveri

L’istituto di credito statunitense che concedeva prestiti senza garanzie nei quartieri poveri chiude i battenti.

Di Redazione


Si chiamava ShoreBanke Midwest, per i sobborghi d’America era un punto di riferimento fondamentale. Una banca – la più importante del circuito di ShoreBank Corporation – che concedeva prestiti a clienti che non avevano garanzie, di solito nei quartieri periferici, a basso reddito. Se il cliente non riusciva a pagare la rata del mutuo, gli concedevano una proroga nel pagamento. Una storia lunga 37anni, nata dall’idea di quattro giovani e idealisti  bancari. Da oggi non esiste più, è finita un’era, scrive Wbez, una testata indipendente di Chicago (www.wbez.org). Il crollo del mercato immobiliare, insieme a qualche passo falso della banca, ha spinto l’istituto di credito in una spirale discendente.

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile