Condono, l’alleato dei furbi che produrrà nuove tasse per gli onesti

Il condono ha almeno tre aspetti perversi: produrrà introiti minimi per le casse pubbliche, danneggerà il rapporto Stato-cittadini e renderà razionale la scelta di evadere

Di Luciano Canova*

«Perché non dovremmo farlo? Il condono è una redistribuzione del reddito dai ricchi ai poveri». Così parlò il ministro per gli Affari europei, Paolo Savona, intervistato da Sky TG24 pochi giorni fa.

Una frase che non può non sconcertare gli economisti. Perché fin dagli esami di base di economia politica si spiega come proprio le entrate fiscali siano lo strumento principe di redistribuzione delle risorse da chi ha di più a chi ha di meno e il veicolo per pagare i servizi erogati dallo Stato sociale. Soprattutto in uno Stato come l’Italia nel quale la Costituzione – all’articolo 53 – sancisce che la quantità di tasse versate debba essere commisurata al proprio reddito.

«Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività».

Eppure il ricorso ai condoni prosegue. E stravolge il rapporto Stato-cittadini, peggiorando una situazione già drammatica certificata da ultimo nel Rapporto antievasione allegato all’ultimo Documento di Economia e finanza 2018 a fine settembre: per il triennio 2013-2015 si osserva un gap complessivo pari a circa 108,9 miliardi di euro, di cui 97,8 miliardi di mancate entrate tributarie e 11,1 miliardi di mancate entrate contributive.

Il gap delle entrate tributarie. Dati in milioni di euro. FONTE: Rapporto antievasione allegato a Documento Economia e Finanza 2018
Il gap delle entrate tributarie. Dati in milioni di euro. FONTE: Rapporto antievasione allegato a Documento Economia e Finanza 2018

Ma almeno è un modo per ottenere risorse subito? Molto molto molto meno di quanto si pensi. E lo ammette lo stesso governo. Agli effetti perversi del condono contenuto nel descreto fiscale è dedicata la “speciale puntata di Halloween” di #Legonomics, la videorubrica di Luciano Canova.

Cosa comporta un condono – Legonomics ep3

C'è chi usa il termine "pace fiscale" ma omai è chiaro a tutti: nella manovra di questo Governo ci sarà, come da rodata tradizione italiana, un condono.Ecco la terza puntata di Legonomics durante la quale il professor Luciano Canova ci parla di quali siano i costi e quali i benefici di un condono fiscale.

Posted by Valori.it on Tuesday, October 30, 2018

* L’autore è PhD in economia e divulgatore scientifico. Collabora con il Master MEDEA (Management ed Economia dell’Energia e dell’Ambiente) della Scuola Enrico Mattei. Tra i suoi libri: “Scelgo, dunque sono. Guida galattica per gli irrazionali in economia” (ed. Egea, 2016) e  “Pop Economy – #Gamification – #Crowfunding – #Big Data” (Hoepli, 2015).

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile