“Quota 100”, il sistema previdenziale che indebita i nostri figli

Il governo vuole introdurlo. Ma potrebbe provocare un aumento di 100 miliardi di euro del debito pensionistico, sulle spalle delle generazioni future

Di Luciano Canova*

100 miliardi di euro di aumento del debito pensionistico, sulle spalle delle generazioni future. È questo l’effetto collaterale della cosiddetta “quota 100”, il sistema previdenziale che il governo vorrebbe introdurre. Si potrà andare in pensione con un minimo di 62 anni di età e 38 di contributi (per fare un esempio in cui la somma tra l’età e gli anni di contributi versati è, appunto, 100)

«Il sistema previdenziale è a rischio». È l’allarme lanciato dal presidente dell’Inps, Tito Boeri. In una audizione alla Commissione Lavoro della Camera ha dichiarato: «Si aumenta la spesa e si riducono i contributi, non bastano due giovani neo assunti per pagare la pensione di uno che esce» .

Boeri ha anche segnalato che l’introduzione delle nuove norme porterà «già nel 2021 a un incremento di 1 punto di Pil della spesa pensionistica». Spesa che è già a livelli record: l’Italia spende il 16,3% del Pil per le pensioni, il doppio della media Ocse, dietro solo alla Grecia.

La spesa pensionistica in Europa (% del Pil). Fonte Eurostat, 2014

 

Proprio alla “quota 100” è dedicata la nuova di #Legonomics, la videorubrica di Luciano Canova.

Ecco quota 100. Forse – Legonomics ep.4

Ormai si sente sempre più spesso parlare di "quota 100". Anche se attualmente pare sia una riforma accantonata da questo Governo, di cosa si tratta in realtà? Ce ne parla @Luciano Canova nella quarta puntata di #Legonomics

Posted by Valori.it on Wednesday, November 7, 2018

* L’autore è PhD in economia e divulgatore scientifico. Collabora con il Master MEDEA (Management ed Economia dell’Energia e dell’Ambiente) della Scuola Enrico Mattei. Tra i suoi libri: “Scelgo, dunque sono. Guida galattica per gli irrazionali in economia” (ed. Egea, 2016) e  “Pop Economy – #Gamification – #Crowfunding – #Big Data”(Hoepli, 2015).

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile