Diritti umani

2017: sarà l’anno del divieto sulle armi nucleari?

Contrari i soliti, astenuta la Cina, l'Onu corre verso un voto che potrebbe approvare uno strumento giuridicamente vincolante per vietare le armi nucleari

Di Corrado Fontana
Missili con testata nucleare durante una fase di allestimento militare. Di U.S. Navy photo by Photographer's Mate Airman Roland Franklin [Public domain], attraverso Wikimedia Commons

Il 2017 è l’anno in cui le Nazioni unite potrebbero approvare un documento vincolante che metta al bando le armi nucleari.

Tariq Rauf, direttore del Programma disarmo, controllo e non proliferazione delle delle armi dell’istituto indipendente di ricerca SIPRI

La speranza – suffragata da alcuni fatti e dalle divisioni tra i Paesi membri dell’Onu – è concreta e viene esaminata in un intervento di Tariq Rauf, direttore del Programma disarmo, controllo e non proliferazione delle delle armi dell’istituto indipendente di ricerca SIPRI (Stockholm International Peace Research Institute).

Rauf ricorda infatti che “Alla fine del 2016, l’Assemblea generale delle Nazioni unite ha votato a larga maggioranza (Risoluzione 71/258 del 23 dicembre 2016) di convocare nel 2017 una conferenza delle Nazioni Unite per negoziare uno strumento ‘giuridicamente vincolante per vietare le armi nucleari, che porta verso la loro eliminazione totale’. Il risultato della votazione è stato 113 a favore, 35 contrari e 13 astensioni. Quattro dei cinque Stati dotati di armi nucleari – Francia, Russia, Regno Unito e Stati Uniti – hanno votato contro, con la maggior parte degli Stati della North Atlantic Treaty Organization (NATO) più Australia, Israele, Giappone e Corea del Sud, i quali si basano sulla garanzia nucleare degli USA. È interessante notare che la Corea del Nord ha votato a favore. Astenuti la Cina (l’unico Stato dotato di armi nucleari che non ha votato contro), l’India, i Paesi Bassi, Pakistan e Svizzera”.

By Photo courtesy of National Nuclear Security Administration / Nevada Site Office – Public Domain da Wikimedia Commons

Nella successiva riunione organizzativa tenutasi all’ONU a New York il 16 febbraio 2017 hanno partecipato più di 100 Stati: l’ambasciatore del Costa Rica Elayne Whyte Gómez è stato selezionato come il presidente della futura conferenza sul tema, che sarà convocata il 27-31 marzo e il 15 giugno-7 luglio, ed sono stati approvati il programma della conferenza e le sue regole.

“Le regole – prosegue Rauf – saranno quelle dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, che richiedono una maggioranza dei due terzi per le questioni di sostanza e una maggioranza semplice per le questioni procedurali, e quindi nessuno Stato sarà in grado di bloccare le decisioni sulla messa al bando delle armi nucleari”. Ma soprattutto “Questa spinta a negoziare uno strumento giuridicamente vincolante per vietare le armi nucleari da parte di un’ampia maggioranza di Stati dotati di armi non nucleari ha aperto forti differenze, non solo con gli Stati che possiedono armi nucleari ma anche nelle file degli Stati non nucleari”.

Qui la versione integrale dell’intervento di Tariq Rauf.

 

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile