La Cina investe in Africa quanto gli Usa

Secondo un'analisi del Center for Global Development le cifre totali sborsate dai due Paesi sono paragonabili. Tuttavia, la composizione resta molto diversa.

  La Cina ha investito più di 75 miliardi di dollari in Africa nel corso del periodo 2000-2011, raggiungendo un livello quasi identico a quello degli Stati Uniti. A riferirlo è questa mattina il quotidiano francese Le Monde, che cita uno studio del think tank Center for Global Development, che ha pubblicato di dati con l’obiettivo di rendere più trasparenti gli investimenti esteri di Pechino. 

Secondo il rapporto, ad oggi il Paese asiatico rappresenta un quinto del totale dei capitali in ingresso nel Continente africano. Ma, dato che desta preoccupazione, solamente 1, 1 miliardi di dollari sborsati dalla Cina possono essere considerati ufficialmente come aiuti allo sviluppo (secondo la definizione del club dei principali donatori). «Quando si mettono a confronto la Cina e gli Usa, il totale è simile, ma la composizione è molto differente», ha spiegato Bradley Parks, tra gli autori dell’analisi. 

La maggior parte delle spese della seconda economia del mondo è infatti costituita da accordi con alcuni Paesi per ridurre il loro debito. Al secondo posto figurano i trasporti, quindi il settore agricolo. Ma Pechino, ad esempio, ha finanziato anche un’accademia militare nello Zimbabwe. Nonostante il leader Robert Mugabe sia  stato isolato dal mondo occidentale.