Quantitative easing, la “boa” BCE tiene a galla l’Italia che annaspa

Da marzo 2015, la BCE ha investito 2,1 trilioni nell'acquisto di titoli pubblici e privati. 362 milioni solo per l'Italia. Cosa accadrà ora che il QE terminerà?

Luciano Canova
Il presidente della BCE, Mario Draghi
Luciano Canova
Leggi più tardi

60 miliardi al mese tra marzo 2015 e marzo 2016, 80 miliardi al mese l’anno successivo, 60 miliardi da aprile 2017 a dicembre 2017. Poi una diminuzione a 30 miliardi per i primi sette mesi del 2018 e 15 miliardi a ottobre scorso. Sono le cifre che rendono l’idea di quanto denaro hanno “pompato” nel sistema-Europa i quattro programmi di acquisto di titoli di Stato e obbligazioni private messo in campo dalla BCE negli ultimi 3 anni e mezzo. In due parole: Quantitative easing.

Quantitative easing. Gli acquisti effettuati dalla BCE dal 2015 divisi fra i vari programmi di acquisto. FONTE: BCE
IL QUANTITATIVE EASING DELLA BCE. Gli acquisti effettuati dalla Banca Centrale Europea dal 2015 divisi fra i vari programmi di acquisto. CSPP: Corporate sector purchase programme; PSPP public sector purchase programme; ABSPP asset-backed securities purchase programme; CBPP3 third covered bond purchase programme.
FONTE: BCE

Un “bazooka” che ha funzionato da stimolo per le economie continentali contro i rischi di deflazione, per far ripartire il credito delle banche all’economia reale e indirettamente anche per tenere a bada lo spread. Quanto grande? Solo per l’acquisto dei titoli pubblici sono stati utilizzati 2,15 trilioni di euro, come rivelano i dati ufficiali BCE, aggiornati al 31 ottobre scorso. Una cifra superiore al PIL dell’Italia. E il nostro Paese, da solo, ha potuto usufruire di 362 miliardi di acquisti di bond.

Fotografia dei titoli di debito acquistati dalla BCE nell'ambito del PSPP (public sector purchase programme). FONTE: BCE - dati al 31.10.2018
Fotografia dei titoli di debito acquistati dalla BCE nell’ambito del PSPP (public sector purchase programme). FONTE: BCE – dati al 31.10.2018

Ma tutto questo avrà presto fine. Notizia nell’aria ormai da tempo. Ma a confermarlo, giusto ieri, è stato il governatore BCE Mario Draghi. Cosa significherà questo per l’Eurozona e in particolare per l’Italia? Lo spiega, con tanto di boe, sommozzatori, piovre e gommoni di salvataggio rigorosamente in mattoncini Lego, l’economista Luciano Canova nella nuova puntata della sua videorubrica #Legonomics.

 

https://www.facebook.com/Valori.it/videos/315322579064786/

 

* L’autore è PhD in economia e divulgatore scientifico. Collabora con il Master MEDEA (Management ed Economia dell’Energia e dell’Ambiente) della Scuola Enrico Mattei. Tra i suoi libri: “Scelgo, dunque sono. Guida galattica per gli irrazionali in economia” (ed. Egea, 2016) e  “Pop Economy – #Gamification – #Crowfunding – #Big Data” (Hoepli, 2015).