Rana Plaza, l’Italia ricorda e incalza la moda

Flashmob a Milano e Firenze, raccolta firme e chiamata in causa di Benetton a un anno esatto dalle oltre 1100 vittime della fabbrica tessile in Bangladesh. ...

moda, quasi 1200 vittime nel crollo del del Rana Plaza coi suoi laboratori tessili a Dacca, in Bangladesh, 29-4-2013 @ Farid_Ahmed / iStockPhoto

«Nonostante sia stato siglato un accordo innovativo tra marchi, governo del Bangladesh, lavoratori, sindacati nazionali e internazionali e ONG, supervisionato dall’ILO, per predisporre un programma di risarcimento delle vittime del Rana Plaza inclusivo e trasparente, conosciuto come l’Arrangement, il Donor Trust Fund volontario istituito per raccogliere le donazioni è ad oggi tristemente sotto finanziato. Un anno dopo il crollo i marchi e i distributori hanno contribuito con soli 15 milioni di dollari, appena un terzo dei 40 milioni necessari». Questa la sintesi – poco edificante – della situazione espressa dagli attivisti italiani (PriceisRice, Abiti Puliti) che seguono il tema della filiera tessile dei subfornitori in Bangladesh al lavoro per le griffe della moda internazionale.

E così parla Deborah Lucchetti della Campagna Abiti Puliti: «I grandi marchi internazionali della moda hanno nuovamente fallito nel garantire il rispetto dei lavoratori che producevano per loro. […] Se poi guardiamo ai profitti realizzati dalla Famiglia Benetton nel 2012 constatiamo che la richiesta di 5 milioni di dollari per il Fondo di risarcimento equivale appena all’1, 4% degli utili realizzati da gruppo […] le imprese coinvolte devono assumersi le proprie responsabilità, è una questione di diritti e di civiltà».

 

Ecco alcune delle iniziative di pressione verso le imprese italiane (Benetton, Manifattura Corona e Yes Zee) in favore della costituzione del Fondo di risarcimento:

 

          Firenze | ore 12: Flash mob in Piazza Santa Trinità a cura di EU-ROPA progetto artistico della Compagnia Insomnia dedicato al tema dei diritti umani nell’industria dell’abbigliamento in collaborazione con Filtcem-CGIL, Mani Tese Firenze, ACU Toscana e Villaggio dei Popoli

          Milano | ore 15: Flash mob in Piazza Duomo a cura di Price is Rice in occasione del Fashion Revolution Day e in collaborazione con Abiti Puliti

          Treviso | h.10-19: Palazzo dei 300, mostra L’arte del lavoro a cura Ass. culturale Pulperia in cui saranno ospitati immagini e materiali sul Rana Plaza.

 

E mentre a a Dhaka lavoratori e sindacalisti ricorderanno con una serie di eventi tutti coloro che hanno perso la vita quel giorno, in diverse Botteghe del Commercio Equo e solidale parte una raccolta firme a sostegno della petizione internazionale per incalzare Benetton.

 

Link utili

Sito della Campagna Abiti Puliti


E SUL PROSSIMO NUMERO DI VALORI UN’INTERVISTA A SHILA BEGUM, LAVORATRICE SOPRAVVISSUTA AL CROLLO DEL 24 APRILE 2013 E UN’APPROFONDIMENTO SU COSA STA CAMBIANDO