Rimini, le associazioni contro il gioco d’azzardo

Sono già una cinquantina le associazioni che nel Riminese si sono impegnate a sostenere la raccolta firme per la petizione A che gioco giochiamo? promossa ...

Di Corrado Fontana
Piaga ludopatia e gioco d'azzardo: una schiera di slot machines in un casinò o sala slot
Piaga ludopatia e gioco d’azzardo: una schiera di slot machines in un casinò

Sono già una cinquantina le associazioni che nel Riminese si sono impegnate a sostenere la raccolta firme per la petizione A che gioco giochiamo? promossa dal coordinamento SlotMob Rimini. I dati locali parlano da soli.

Nel 2016, nella provincia di Rimini, sono stati spesi nel gioco d’azzardo 600 milioni di euro, alimentando la ludopatia, cioè il gioco d’azzardo patologico, che mettono a rischio il tessuto socio-economico del territorio e la vita degli individui e di intere famiglie.

A livello nazionale nel 2016 la “raccolta” è stata di 96 miliardi di euro, +8% rispetto al 2015! Il 51% dei soldi sono finiscono nelle slot machines e simili. Un’attività redditizia per lo Stato, quindi, visto che il flusso di imposte derivanti dal settore «giochi» nel 2016 ha superato i 10 miliardi di euro, a fronte degli 8 miliardi realizzati nel 2015 (fonte e documento completo sul Sito Camera dei Deputati QUI)

Scopo della petizione è quello di chiedere ai Comuni della Provincia di Rimini, in primis dal Comune di Rimini, di prendere provvedimenti concreti per contrastare la diffusione del gioco d’azzardo sul territorio, regolamentare l’apertura e vietare la pubblicità di locali per il gioco d’azzardo, sensibilizzare la popolazione sui rischi ad esso legati e creare incentivi per gli esercizi commerciali slot-free.

Valori rilancia volentieri e sostiene l’iniziativa, amplificando l’appello delle socie e dei soci attivi di Banca Etica della Provincia di Rimini e della vicina Repubblica di San Marino riuniti nel Git di Rimini-Rsm.

Per richiedere maggiori informazioni su come e dove firmare è possibile scrivere al seguente indirizzo: [email protected]

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile