38 milioni di sterline di multa a Barclays

Barclays ha ricevuto una multa record da 38 milioni di sterline da parte del regolatore della City per non aver mantenuto gli asset dei propri clienti ...

Di Claudia Vago

Barclays ha ricevuto una multa record da 38 milioni di sterline da parte del regolatore della City per non aver mantenuto gli asset dei propri clienti separati dai propri. La multa arriva tre anni dopo che Barclays ha pagato 1,1 milioni di sterline per un problema simile.
Il Financial Conduct Authority (FCA) ha dichiarato che tra novembre 2007 e gennaio 2012 il ramo di investimento della banca aveva messo “a rischio” 6,5 miliardi di sterline dei propri clienti clienti.
Barclays sostiene di non aver ottenuto profitto e che nessun cliente ha perso nulla.
La multa si riferisce alle attività della banca d’investimento di Barclays e non ha alcun impatto sui propri clienti al dettaglio.
«I clienti hanno rischiato di incorrere in costi supplementari, ritardi o di perdere i loro beni se Barclays fosse diventata insolvente”, sostiene l’FCA.
David Lawton dell’FCA ha dichiarato che la salvaguardia degli asset della clientela è la “chiave” per mantenere la fiducia del mercato. «La mancanza di attenzione per le regole da parte di Barclays è inaccettabile», ha aggiunto.
Barclays, che ha segnalato essa stessa il problema all’FCA, ha accettato la conclusione dell’FCA. «Barclays ha successivamente migliorato i suoi sistemi per risolvere questi problemi e per assicurare che i processi necessari siano predisposti. Nessun cliente ha subito una perdita come conseguenza di questa debolezza nei nostri processi che esisteva prima del gennaio 2012»,  ha dichiarato.
Si tratta della più grande multa mai emessa per questo particolare reato. Tuttavia, l’FCA ha dichiarato che Barclays ha beneficiato di uno sconto del 30% perché ha accettato di risolverla in una fase iniziale.
Dal crollo di Lehman Brothers nel 2008, quando molti dei suoi clienti non furono in grado di accedere ai propri fondi, l’FCA ha insistito sul fatto che il denaro dei clienti sia tenuto separato dagli asset propri della banca.
«Deve essere chiaro a tutti che dopo Lehman non ci sono scuse per la mancata tutela del patrimonio dei clienti», ha dichiarato Tracey McDermott dell’FCA.
La FSA, predecessore del FCA, nel 2010 aveva multato per una questione analoga JP Morgan per 33,3 milioni di sterline, all’epoca la multa più alta mai registrata.
La sanzione arriva nel momento in cui Barclays cerca di difendersi dalle accuse di frode negli Stati Uniti in relazione alla vendita di obbligazioni ipotecarie e segue una multa di 26 milioni di sterline a maggio per la fissazione del prezzo dell’oro.
Fonte: bbc.com
Foto di Elliott Brown

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile