Speculazione

EDITORIALE / Somoza: finanza avvoltoio sul debito

L'editoriale di Alfredo Louìs Somoza sul business del debito. A patirne sono i cittadini più poveri, a cibarsene i vulture funds, i fondi avvoltoio.

Di Alfredo Louìs Somoza
EDITORIALE ALFREDO SOMOZA da VALORI 154 dicembre 2017 gennaio 2018

Scarica l’EDITORIALE di ALFREDO SOMOZA da VALORI 154 dicembre 2017 gennaio 2018.

Quello del debito è un business basato sulla sofferenza, sul fallimento, sulla miseria. A patirne sono i cittadini, a cibarsene i vulture funds, i fondi avvoltoio.

“A differenza del passato, però, i Paesi in sofferenza sono ora anche europei. Dall’inizio della crisi finanziaria del 2008, il debito globale è cresciuto di oltre 60mila miliardi di dollari USA, dei quali circa un terzo a carico degli Stati a economia avanzata“: così mette il dito nella piaga Alfredo Luìs Somoza, scrittore e giornalista esperto di politica internazionale e autore dell’editoriale di apertura al dossier di Valori gennaio.

La spirale del debito riguarda infatti sempre più da vicino anche i cosiddetti “Paesi ricchi”, oltre a quelli più poveri, che da essa non sono mai usciti. E se gli appelli solidali non bastano, è quanto mi necessario ridurre a livello globale le disuguaglianze strutturali e limitare la libertà di manovra della finanza speculatrice.

Proprio quella finanza speculatrice, quei fondi avvoltoio, che sembrano essere fin troppo tutelati rispetto alla fragilità delle casse pubbliche. Non a caso Somoza, tra le altre riflessioni che svolge, sottolinea che “La grande novità di questi anni è stata la storica sentenza del giudice federale di New York Thomas Griesa del 2014 a proposito del debito argentino in mano ai fondi “vultures”. Ora per chi emette debito in dollari sotto giurisdizione statunitense sarà impossibile sfuggire a sentenze simili che ignorano la ristrutturazione del debito sovrano proposto dal Paese emittente garantendo il 100% del valore del debito contratto più gli interessi. Un precedente che cambia le regole finora seguite e che, in caso di default, ostacolerà i tentativi di ristrutturazione”.

Clicca qui per scaricare e leggere integralmente l’editoriale.

______________
Le copie su carta di Valori dicembre 2017 – gennaio 2018 arrivano – ancora per questo numero – a casa di tutti gli  abbonati, nelle filiali di Banca Etica e in molte edicole milanesi. Prestissimo anche in digitale.

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile