Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa e potrebbe contenere dati o informazioni relative a fonti/reference dell'epoca, che nel corso degli anni potrebbero essere state riviste/corrette/aggiornate.

Entro il 2100 fonderà il 20% dei ghiacci canadesi

Secondo uno studio di un'università olandese, lo scioglimento di un quinto della calotta del Canada provocherà l'innalzamento di 3, 5 centimetri del livello dei mari. E contribuirà ...

  Un quinto dei ghiacci del Canada potrebbe sparire di qui alla fine del secolo, a causa del surriscaldamento globale. Un fenomeno che contribuirebbe alla crescita del livello degli oceani per 3, 5 centimetri. A lanciare l’ennesimo allarma sulle condizioni dell’ambiente globale, ed in particolare delle regioni più fredde del pianeta, è uno studio pubblicato ieri dalla rivista Geophysical Research Letters.

Anche in caso di un aumento moderato della temperature – ha spiegato all’agenzia France Presse Jam Lenaerts, meteorologo dell’università olandese di Utrecht, principale autore della ricerca – la fusione dei ghiacci progredirà ad un ritmo allarmante, con effetti disastrosi sulla calotta settentrionale canadese. La neve e il ghiaccio, infatti, riflettono i raggi solari e il loro scioglimento provocherà un ulteriore assorbimento di calore da parte della terra e dell’oceano, il che farà a sua volta salire ancor di più la temperatura media della regione. 

Se infatti la fusione del 20% dei ghiacci dipenderà da un innalzamento di 3 gradi Celsius della temperatura, a livello locale l’innalzamento potrebbe arrivare ad 8 gradi. aa