Climate change, Obama riceve l’appoggio di Bloomberg

Il sindaco di New York ha concesso il proprio endorsement al presidente americano, puntando il dito contro la scarsa attenzione dello sfidante Romney sulla questione ...

Se si può rintracciare una piccola nota “positiva” nella devastazione che ha provocato l’uragano Sandy, che nei giorni scorsi ha flagellato la costa Est degli Stati Uniti, la si deve ricercare nel dibattito per le elezioni presidenziali. L’arrivo della peggiore tempesta della storia degli Usa nord-orientali, infatti, ha riportato – almeno in parte – al centro della discussione tra i due candidati la questione del cambiamento climatico.

Ieri, il popolare sindaco di New York, Michael Bloomberg, ha infatti manifestato pubblicamente il proprio appoggio al presidente Barack Obama, puntando il dito proprio contro l’assenza di sufficienti misure per la lotta al climate change nel programma dello sfidante Mitt Romney. «Il nostro pianeta sta cambiando – ha scritto in una lettera aperta Bloomberg – e questo, visti i crescenti eventi meteorologici estremi registrati in tutto il mondo, deve imporre azioni immediate alla nostra classe politica». Il primo cittadino della Grande Mela, ex repubblicano ora indipendente ha colto l’occasione anche per dimostrare apprezzamento per le politiche governative in materia di immigrazione, armi, diritto all’aborto e assistenza sanitaria.

«Io e il sindaco Bloomberg conveniamo che le più importanti tematiche del nostro tempo siano fortemente legate agli investimenti nell’istruzione della nostra gente, che sia essenziale una riforma della legge sull’immigrazione per aprire e dinamizzare la democrazia, e che il cambiamento climatico sia una reali minaccia per il futuro dei nostri figli», ha risposto il presidente.