Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa e potrebbe contenere dati o informazioni relative a fonti/reference dell'epoca, che nel corso degli anni potrebbero essere state riviste/corrette/aggiornate.

Frodi bancarie

Secondo il NewYork Times sono almeno otto le agenzie federali che stanno indagando su JPMorgan Chase nel momento in cui la banca registra profitti da ...

Secondo il NewYork Times sono almeno otto le agenzie federali che stanno indagando su JPMorgan Chase nel momento in cui la banca registra profitti da record. «Potenzialmente, ogni singolo istituto finanziario degli Stati Uniti ha commesso frodi, prima o poi» ha dichiarato il senatore Bernie Sanders «quindi la domanda è se la frode è il modello di business di Wall Street. Credo che si possa scoprire che lo è». Fra molti esempi, JPMorgan Chase nel 2011 ha pagato 156,3 milioni di dollari per sistemare accuse collegate alla crisi finanziaria. Nessuno è andato in prigione. In un accordo separato nello stesso anno, la banca ha pagato 56 milioni di dollari per l’accusa di aver sovraccaricato membri dell’esercito sui loro mutui.
In realtà, nessun dirigente di nessuna banca è andato in prigione per il collasso finanziario del 2008 che ha sprofondato il paese nella recessione. In duro contrasto, più di 800 ufficiali di prestito sono stati imprigionati durante la “Thrift debacle” negli anni ’80.
Il procuratore generale Eric Holder ha recentemente fatto un’osservazione sorprendente: i più grandi istituti finanziari sono diventati così enormi che anche solo accusarli di un crimine può avere un impatto negativo sull’economia nazionale. Per il senatore Sanders una soluzione potrebbe essere dividere in parti più piccole le banche “too-big-to-fail”. La sua legge per raggiungere questo obiettivo è diventata il bersaglio dei lobbisti di Wall Street, secondo il New York magazine.
Oltre all’accordo raggiunto da JPMorgan Chase, altri istituti finanziari sono stati protagonisti di accordi multimilionari in casi di frode. Per esempio:
– Nel 2012 autorità dello Stato e federali hanno deciso di non perseguire il gigante HSBC per aver trasferito miliardi di dollari all’Iran e aver aiutato i cartelli della droga messicani a far circolare illegalmente soldi attraverso le proprie filiali americane. HSBC è stata multata di 1,92 miliardi di dollari per questi comportamenti criminali e nessuno è andato in prigione.
– Wells Fargo nel 2011 ha accettato di pagare 85 milioni di dollari di multa per risolvere le accuse della Federal riserve di aver proposto ai propri clienti prestiti più costosi e aver falsificati dati nelle richieste di mutuo. Nessuno è andato in prigione per questa cattiva condotta.
-Citigroup nel 2012 è stata multata per 590 milioni di dollari per aver mentito agli investitori sull’estensione del suo coinvolgimento nel debito dei subprime tossici. Nessuno è andato in prigione. Qualche mese prima, nello stesso anno, aveva pagato 158,3 milioni di dollari al governo degli Stati Uniti per aver sistematicamente violato le norme sui mutui. Nessuno è andato in prigione. Nel 2010 Citigroup è stata multata di 75 milioni di dollari per aver ripetutamente fatto affermazioni fuorvianti e aver dato informazioni imprecise nelle comunicazioni dei propri guadagni trimestrali durante la crisi finanziaria.
– Bank of America nel 2011 è stata multata di 335 milioni di dollari per aver discriminato proprietari di case neri e ispanici. Secondo il Dipartimento di giustizia, circa 200.000 persone sono state caricate con tassi di interesse più alti sono a causa della loro razza o nazionalità.
– Bank of America nel 200 è stata multata per 150 milioni di dollari per aver indotto in errore gli investitori in seguito all’annuncio che avrebbe acqusito Merrill Lynch. Nessuno è andato in prigione.
– Goldman Sachs nel 2010 ha ricevuto una multa di 550 milioni di dollari per aver venduto titoli garantiti da ipoteca perdenti senza dire che il miliardario manager di hedge fund John Paulson stava scommettendo che quei mutui sarebbero falliti.
Tradotto dal sito del senatore Bernie Sanders