Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa e potrebbe contenere dati o informazioni relative a fonti/reference dell'epoca, che nel corso degli anni potrebbero essere state riviste/corrette/aggiornate.

Fukushima, cinque anni dopo il disastro non si arresta

Cinque anni fa uno tsunami travolgeva la centrale nucleare di Fukushima. Da allora, migliaia di persone sono al lavoro nel sito atomico così come in ...

Aree per le quali sono stati emessi ordini di evacuazione (1 ottobre 2014). Fonte: "Fukushima disaster: Ongoing nuclear crisis The Failure of radioactive decontamination in Iitate"

Cinque anni fa uno tsunami travolgeva la centrale nucleare di Fukushima. Da allora, migliaia di persone sono al lavoro nel sito atomico così come in un vasto perimetro attorno allo stesso, per tentare di salvare il salvabile, raffreddando i reattori danneggiati con enormi quantità di acqua e decontaminando il territorio circostante. Che risulta ancora in gran parte disabitato.

 

Eppure il governo e la lobby nucleare stanno tentando in tutti i modi, ormai da anni, di riavviare le centrali giapponesi. E un dibattito particolarmente ampio è in atto anche sul tema delle evacuazioni, ordinate in seguito al disastro dell’11 marzo 2011 e che le autorità hanno cominciato a revocare, seppur a macchia di leopardo. Alcune associazioni ambientaliste hanno lanciato in questo senso appelli all’esecutivo di Tokyo affinché mantenga lo stato di emergenza per le aree colpite.

 

Nel frattempo, uno studio di due Ong scientifiche americane spiega che a causa dell’assorbimento diretto e indiretto (quest’ultimo attraverso l’assunzione di acqua e cibo contaminati) tra la popolazione del Giappone è possibile ipotizzare una netta crescita delle patologie tumorali. In particolare, lo studio è stato effettuato analizzando i dati relativi ai bambini della provincia di Fukushima e a tutte le persone addette alle operazioni di bonifica del territorio e di manutenzione della centrale.