Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa e potrebbe contenere dati o informazioni relative a fonti/reference dell'epoca, che nel corso degli anni potrebbero essere state riviste/corrette/aggiornate.

Guadagni turbolenti

Ho pensato ad una breve storia per raccontare uno dei tanti modi che certi operatori finanziari utilizzano per speculare in questi, turbolenti, giorni. Matteo, un ...

Ho pensato ad una breve storia per raccontare uno dei tanti modi che certi operatori finanziari utilizzano per speculare in questi, turbolenti, giorni.
Matteo, un amico di mio figlio lavora in una concessionaria che noleggia Ferrari.
E a me, che sono una persona intraprendente, è venuta in mente un’idea geniale per guadagnare un sacco di soldi dalla sua attività di noleggio. L’ho spiegata a Matteo.
“Io noleggio una bella Ferrari per una settimana: il tempo è perfetto per visitare il Chianti. Appena esco dalla concessionaria la vendo ad un prezzo molto scontato ad un conoscente americano che la vuole per qualche giorno. Chissà, magari anche lui la rivenderà, ma io confido di ricomprarla prima della scadenza dei termini e restituirla al noleggio.
Ovviamente in questi passaggi posso realizzare una bella cifra, speculando sulle belle giornate.”
Matteo si è scandalizzato mi dice che non si può fare.
Paziente gli spiegò: “Matteo, lavoro nel settore finanziario da anni e c’è un’esperienza collaudata su questo tipo di operazioni: si chiamano vendite allo scoperto. L’economia reale no sa cosa siano, è proprio primitiva, bloccata in meccanismi obsoleti!”
Mi hanno cacciato fuori…
Incredibile!
Eppure in questi giorni di turbolenza che forse spaventano qualche pavido risparmiatore sul rischio di una nuova crisi finanziaria globale,ci sono grandi opportunità di guadagno facendo questi trucchetti o molti altri ancora.
Ebbene sì, quello che sta succedendo in questi giorni, purtroppo, ci mostra come, senza aver cambiato le regole della finanza, siamo ancora esposti al ricatto della speculazione finanziaria e in fondo, quello che è successo nel 2008, può verificarsi ancora.
Tanto a pagare non è chi specula, siamo noi. E questa si chiama libera finanza, perché al libero mercato abbiamo rinunciato da un pezzo.
Foto: <a href=”https://www.flickr.com/photos/eddy_clio/6643755103/”>Eddy Clio</a> via <a href=”http://foter.com/”>Foter.com</a> / <a href=”http://creativecommons.org/licenses/by-nd/2.0/”>CC BY-ND</a>