Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa e potrebbe contenere dati o informazioni relative a fonti/reference dell'epoca, che nel corso degli anni potrebbero essere state riviste/corrette/aggiornate.

I crimini finanziari costano ai Paesi in via di sviluppo 1.000 miliardi

I Paesi in via di sviluppo hanno perso quasi 1.000 miliardi di dollari nel 2010 a causa della corruzione, dell’evasione fiscale e di altri reati finanziari ...

I Paesi in via di sviluppo hanno perso quasi 1.000 miliardi di dollari nel 2010 a causa della corruzione, dell’evasione fiscale e di altri reati finanziari che non comportano operazioni di cassa, secondo un nuovo rapporto pubblicato da Global Financial Integrity (GFI).
I sei anni di ricerca dicono che la corruzione finanziaria globale è cresciuta costantemente nel corso degli ultimi dieci anni, nonostante gli sforzi senza precedenti da parte dei governi e delle organizzazioni non governative per arginarla.
Si è riscontrato che le uscite finanziarie illecite sono costate ai Paesi in via di sviluppo un totale di 859 miliardi di dollari nel 2010, l’ultimo anno per il quale sono disponibili i dati, compilati principalmente dal Fondo monetario internazionale e dalla Banca mondiale.
Tale somma è stata di circa 10 volte i circa 88 miliardi di dollari forniti ai paesi in via di sviluppo in materia di assistenza ufficiale allo sviluppo nello stesso anno.
“Questo significa che per ogni dollaro di aiuti allo sviluppo economico, dieci dollari vengono persi attraverso questi deflussi illeciti”, ha osservato il Global Financial Integrity.
L’economista leader del gruppo e co-autore della relazione, Kar Dev, ha sottolineato che le ultime stime quasi certamente sottovalutano la quantità totale di flussi illeciti, in parte perché non includono le operazioni di cassa e perché si basano su una metodologia nuova, più prudente di quella usata da GFI in passato. Questo metodo stima che le economie in via di sviluppo abbiano perso circa 1.140 miliardi di dollari in deflussi illeciti nel 2010.
“Le stime fornite da ciascuna metodologia sono ancora suscettibili di essere estremamente prudente perché, per esempio, gran parte dei proventi del traffico di droga, del traffico di esseri umani e altre attività criminali, che sono spesso regolati in contanti, non sono incluse in queste stime” ha aggiunto.
Le 80 pagine del rapporto, “Flussi finanziari illeciti provenienti da paesi in via di sviluppo: 2001-2010”, evidenzia che la Cina ha subito le maggiori perdite derivanti da deflussi illeciti – una media annuale di 274 miliardi di dollari nei primi dieci anni del secolo – o 2.740 miliardi di dollari a partire dal 2001 fino al 2010, e di 420.360 milioni di dollari nel solo 2010.
La Cina è seguita da Messico, Malesia, Arabia Saudita e Russia. Il Messico ha una media di perdite annuali di 47,6 miliardi di dollari e 51.2 miliardi di dollari nel 2010, la  Malesia una media di 28,5 miliardi di dollari, ma un enorme 64.380 milioni di dollari nel 2010, l’Arabia Saudita una media di 21 miliardi di dollari l’anno e 38,2 miliardi di dollari nel 2010, e la Russia una media di 15,2 miliardi di dollari e 43,6 miliardi di dollari nel 2010.
Altri paesi che sono stati ordinati nella top ten per il 2010 perdite sono l’Iraq (22,2 miliardi di dollari), la Nigeria (19,66 miliardi di dollari), il Costa Rica (17,51 miliardi di dollari), le Filippine (16,62 miliardi di dollari) e la Thailandia (12.37 miliardi di dollari) .
Mentre la maggior parte delle economie più colpite sono paesi a medio reddito, o anche nazioni ad alto reddito, come il Qatar e gli Emirati Arabi Uniti, anche alcuni dei paesi più poveri del mondo sono vittime. Oltre alla Nigeria e alle Filippine, il Sudan (8,58 miliardi di dollari) e l’Etiopia (5.64 miliardi di dollari) sono stati tra i più grandi perdenti nel 2010, mentre l’India si classifica ottava nella perdita annuale media nel corso dell’ultimo decennio (12,3 miliardi di dollari).
“Somme astronomiche di denaro sporco continuano a fluire fuori dal mondo in via di sviluppo verso paradisi fiscali e verso le banche dei paesi sviluppati”, ha detto il direttore della GFI, Raymond Baker.
Il rapporto arriva mentre cresce l’attenzione globale sulla corruzione come ostacolo allo sviluppo. La corruzione – e le sue minacce al lunga dominio del Partito Comunista – sono stati uno dei temi principali del 18° Congresso Nazionale in Cina, che ha trasferito il potere al nuovo presidente, Xi Jinping.
I movimenti anti-corruzione in Russia hanno stimolato un giro di vite importante e in India hanno conquistato la ribalta nazionale. Nel frattempo, i i donatori tradizionali condizionano sempre più la loro assistenza all’impegno dei governi a eliminare la corruzione.
Quando, per esempio, un esportatore in un Paese in via di sviluppo vende due milioni di dollari di beni a una società straniera per 1,5 milioni di dollari, può chiedere che il mezzo milione di dollari di differenza sia depositato nel proprio conto in banca privata all’estero, presumibilmente per evitare la tassazione. Al contrario, le imprese possono imporre un prezzo troppo alto alle importazioni in modo di avere i proventi illeciti depositati all’estero.
Trasferimenti illeciti si possono effettuare attraverso forme di corruzione, come le tangenti, oltre che il vero e proprio furto, secondo il rapporto.
Nel periodo 2001-2010, il rapporto stima che i paesi in via di sviluppo hanno perso una media annuale di circa 586 miliardi di dollari in tali flussi illeciti – per un totale di 5.860 miliardi di dollari nel corso del decennio.
In termini di dollari, i flussi illeciti sono aumentati in termini reali da una media annuale di circa il 8,6 per cento, nonostante l’inizio della crisi finanziaria globale, alla fine del 2008. L’aumento è avvenuto in tutte le regioni in via di sviluppo, con il Medio Oriente e il Nord Africa in testa al gruppo (26,3 per cento medio di incremento annuo), seguiti da vicino dall’Africa sub-sahariana (23,8 per cento).
L’incremento medio annuo per l’Asia, che rappresenta circa il 61 per cento del totale dei flussi illeciti del mondo in via di sviluppo, è pari a quasi 8 per cento, mentre, in America Latina e nei Caraibi, l’aumento è stato più basso – al 2,65 per cento.
L’ultima relazione non ha affrontato le transazioni in contanti che sono molto più difficili da individuare. In una precedente relazione, GFI ha stimato che il traffico di droga, che è più spesso condotto in contanti, produce profitti annuali di circa 320 miliardi nei paesi sviluppati e in via di sviluppo.
Un altro settore illecito – contraffazione sia di merci che di valuta – produce 250 miliardi di dollari l’anno, anche se è generalmente meno affidato sul denaro contante, secondo GFI. I proventi della tratta di esseri umani sono stati stimati in circa 31,6 miliardi di dollari l’anno.
Nel trattare il problema dei deflussi finanziari illeciti, la relazione chiede, tra l’altro, l’adozione di nuove convenzioni e le leggi che richiedono l’identificazione dei beneficiari di tutti i conti bancari dei “veri, umani proprietari di tutte le società, trust e fondazioni” quando si formano. Inoltre, le imprese multinazionali dovrebbero essere tenute, Paese per Paese a riferire tutte le vendite, i profitti e le imposte pagate. Infine, informazioni fiscali sui conti personali e business dovrebbero essere scambiate automaticamente tra i Paesi, secondo il rapporto.
Fonte: Global Finance Integrity