Multa record per JP Morgan Chase

13 miliardi di dollari. A tanto ammonterebbe la multa record che il colosso bancario statunitense JP Morgan Chase avrebbe accettato di pagare patteggiando

Di Claudia Vago

13 miliardi di dollari. A tanto ammonterebbe la multa record che il colosso bancario statunitense JP Morgan Chase avrebbe accettato di pagare patteggiando per le accuse di irregolarità nella vendita di mutui subprime che hanno portato quasi al collasso il sistema bancario nel 2007. 13 miliardi che comprendono 9 miliardi di multa e 4 di aiuto alle famiglie di proprietari di case che lottano contro gli espropri.

L’accordo è stato raggiunto nel corso di colloqui tra alti funzionari del Dipartimento di Giustizia e Jamie Dimon, CEO di JP Morgan Chase. Se confermato, si tratta del più consistente patteggiamento mai pagato da una società statunitense.

Il mese scorso, JP Morgan Chase è stata multata per quasi 1 miliardo di dollari per lo scandalo della cosiddetta “London Whale”, legato e grandi scommesse disastrose sui mercati finanziari ad opera dell’ex impiegato della banca Bruno Iksil.

Il patteggiamento risolverebbe le cause civili che vedono coinvolta la banca, ma resterebbero aperte altre accuse penali federali, cosa che pare non essere particolarmente gradita a Jamie Dimon, che ha resistito fino all’ultimo per evitare di arrivare al pagamento di una multa ritenendo la banca non responsabile di irregolarità.
Al momento né il Dipartimento di Giustizia né l’istituto bancario hanno rilasciato commenti e la notizia resta comunque da confermare.

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile