Siamo lanciati contro un muro e stiamo accelerando

Oggi la BCE dovrebbe dichiarare quali nuove misure intende mettere in campo per contrastare deflazione e recessione. Ovviamente, se non si intende rimettere in discussione ...

Di Non con i miei soldi

Oggi la BCE dovrebbe dichiarare quali nuove misure intende mettere in campo per contrastare deflazione e recessione. Ovviamente, se non si intende rimettere in discussione l’austerità o i divieti di sostenere gli Stati, le misure che più probabilmente saranno adottate saranno Quantitative Easing per le banche ancora più spinti (cioè, la BCE compra qualsiasi cosa cartolarizzata, senza controllo, e dà in cambio soldi freschi) e forse un altro LTRO (un migliaio di miliardi di euro prestati a tassi ridicoli e non vincolati a prestiti, col rischio quindi che le banche li usino per speculare).
Si tratta ancora solo di ipotesi che, se confermate, non fanno che evidenziare il livello di follia a cui siamo giusti:
1. Uno studio dell’ESRB (Comitato europeo per il rischio sistemico) dice nero su bianco che le banche europee sono talmente grandi rispetto all’economia reale che è più la ricchezza che estraggono che quella che contribuiscono a formare, e il loro contributo alla crescita è negativo o nullo.
2. Quindi? Quindi la BCE decide di continuare a pompare soldi nelle banche per gonfiarle ulteriormente, mentre prosegue l’austerità che deprime l’economia.
I dati delle istituzioni europee ci dicono che siamo lanciati contro un muro, le istituzioni europee ci dicono che hanno la soluzione: accelerare.
Aggiornamento del 6 giugno: Questa mattina sono state rese note le misure della BCE, misure che, contrariamente a quello a cui ci eravamo abituati, contengono anche elementi di interesse. Nei prossimi giorni pubblicheremo un post di analisi. Stay tuned.

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile