Ambiente

Chernobyl, «costi a 180 miliardi di dollari nel 2015»

Secondo il presidente ucraino Yanukovych, le perdite economiche potrebbero arrivare a cifre astronomiche entro i prossimi 3 anni. Mentre per arrivare al completo smantellamento occorrerà aspettare ...

Di Andrea Barolini


  Al fine di ridurre le perdite economiche conseguenti alla catastrofe, che potrebbero raggiungere i 180 miliardi di dollari nel 2015, è importante proporre un programma per tutte le regioni coinvolte dall’esplosione della centrale nucleare di Chernobyl del 1986». A dichiararlo è stato il presidente dell’Ucraina, Viktor Yanukovych, in occasione del 27esimo anniversario dell’incidente. 

Ad oggi – riferisce il quotidiano ambientale Enerzine – resta ancora moltissimo lavoro da fare per le 2.700 persone che ancora lavorano nella centrale. Il parlamento ucraino ha deliberato un programma in quattro tappe: l’estrazione del combustibile nucleare (da completare nel periodo 2010-2013), la conversione dei reattori (2013-2022), l’abbassamento dei livelli di radioattività (2022-2045) e infine il definitivo smantellamento (2045-2065). È chiaro, dunque, che quasi un secolo dopo il disastro, il mondo avrà ancora gli occhi puntati su Chernobyl.

Tre giorni fa il primo ministro ucraino Mykola Azarov ha annunciato che i lavori per la costruzione del nuovo “sarcofago” di sicurezza dovrebbero essere conclusi entro il 2015. 

Iscriviti alla newsletter

Il meglio delle notizie di finanza etica ed economia sostenibile