Usa, ispezione nella più vecchia centrale nucleare

L'autorità di vigilanza sui reattori americani ha disposto un controllo nell'impianto di Oyster Creek, dopo lo stato di allerta decretato in seguito al passaggio dell'uragano ...

  L’autorità deputata al controllo delle centrali nucleari degli Stati Uniti ha annunciato ieri l’avvio di una missione di ispezione sulla centrale di Oyster Creek, la più vecchia del Paese. La decisine è arrivata dopo che il passaggio dell’uragano Sandy ha provocato alterazioni ai normali sistemi di mantenimento in sicurezza dell’impianto.

In particolare, il diluvio che ha accompagnato l’arrivo dell’uragano ha fatto crescere il livello dell’acqua nelle strutture di raffreddamento del reattore al di là di quello abituale. Una condizione che ha già portato l’operatore che gestisce il sito, la Exelon, ha decretare lo stato di allerta per due giorni. Successivamente, la centrale è stata chiusa per effettuare una manutenzione, ed ora i tecnici dell’autorità di vigilanza intendono verificare l’effettivo stato di conservazione del reattore: i risultati saranno comunicati la prossima settimana. 

La centrale di Oyster Creek è in funzione dal 1969 nel New Jersey, e la sua chiusura è prevista nel 2019.