Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa e potrebbe contenere dati o informazioni relative a fonti/reference dell'epoca, che nel corso degli anni potrebbero essere state riviste/corrette/aggiornate.

Dall’Asia agli Usa: la globalizzazione dell’inquinamento?

Un gruppo di esperti della Nasa è al lavoro per dimostrare un legame di causa-effetto tra i tassi di inquinamento asiatici e gli inverni sempre più ...

Negli ultimi anni, numerosi episodi di inverni particolarmente rigidi sono stati registrati nelle città costiere orientali degli Stati Uniti. New York e Washington non hanno fatto eccezione. Una delle cause di tali fenomeni potrebbe essere legata ai tassi di inquinamento atmosferico presenti in Asia. 

L’ipotesi è allo studio di due ricercatori del Jet Propulsion Laboratory della Nasa, secondo quanto riportato sul sito di NPR: il fisico Jonathan Jiang ha spiegato che le polveri sottili si mescolano alle tempeste al di sopra dell’Oceano Pacifico. Ciò «nutre» le nuvole, che si ingrossano e provocano precipitazioni più frequenti, modificando il clima e provocando conseguenze anche sulle coste nord-americane. Le polveri concedono infatti al vapore acque la materia necessaria per condensarsi. 

Le analisi sono in atto, hanno sottolineato i ricercatori, ed ulteriori verifiche devono essere effettuate per stabilire con certezza il rapporto di causa-effetto tra l’inquinamento asiatico e il clima statunitense. Intanto, sul sito della Nasa è stata pubblicata un’animazione che mostra la traiettoria sul globo terrestre delle polveri sottili naturali, provenienti da oceani e deserti, assieme a quelle originate dall’attività umana. Da essa, appare evidente che le particelle interagiscono con le nuvole che si trovano sopra gli oceani.