HSBC finanzia la distruzione della foresta pluviale in Malesia

Questo post è la traduzione del comunicato stampa rilasciato da Global Witness il 2 novembre 2012. HSBC ha finanziato imprese forestali che causano diffusa distruzione ambientale e violazioni ...

Questo post è la traduzione del comunicato stampa rilasciato da Global Witness il 2 novembre 2012.
HSBC ha finanziato imprese forestali che causano diffusa distruzione ambientale e violazioni dei diritti umani in Sarawak, Malesia, violando le sue politiche di sostenibilità e guadagnando circa 130 milioni di dollari, rivela oggi un’indagine Global Witness. La banca fornisce inoltre servizi finanziari alle imprese ampiamente sospettate di corruzione sistematica e corruzione.
La regione di Sarawak, in Malesia, esporta più di legname tropicale del Sud America e dell’Africa messi insieme e ora ha solo il 5% delle sue foreste lasciata intatta dopo decenni di taglio di legname su scala industriale e sviluppo di piantagione. Il rapporto di Global Witness, “In futuro non ci saranno più foreste“, identifica crediti e servizi a sette dei più grandi conglomerati di forestazione della regione che avrebbe generato circa 130 milioni di dollari in interessi e commissioni per HSBC.
Le società supportate da HSBC hanno devastato le foreste pluviali del Borneo malese e hanno commesso vari abusi contro le comunità indigene. I giganti della forestazione del Sarawak, tutti i clienti di HSBC nel passato o nel presente, hanno esteso il loro modello di business distruttivo a ogni grande regione forestale tropicale in tutto il mondo. Queste aziende stanno disboscando o convertendo foreste in piantagioni in 18 milioni di ettari di concessioni – un’area grande tre volte la Norvegia.
“HSBC ha finanziato alcune delle peggiori aziende di forestazione del mondo e in alcuni casi le ha fatte decollare con i loro primi prestiti commerciali. La distruzione che hanno causato semplicemente non avrebbe potuto avere luogo senza i servizi e il prestigio che la Banca ha concesso “, ha detto Tom Picken, capo della Global Witness Forest Campaign.
Fornendo servizi a un settore noto per la corruzione e i legami politici di alto livello, HSBC rischia seriamente di violare le norme internazionali sull’anti-riciclaggio di denaro, norme che le impongono di effettuare controlli supplementari sui clienti collegati ai politici di alto livello.
Sarawak è guidato dal primo ministro Taib, attualmente oggetto di una investigazione da parte dell’unità federale anticorruzione della Malesia. Taib detiene il completo controllo politico sull’allocazione della terra e sulle licenze forestali, ed è opinione comune che usi questo potere per il bene della sua famiglia e dei suoi soci. Molti dei clienti di HSBC in Sarawak sono strettamente collegati alla famiglia di Taib. Global Witness ha ottenuto una chiara prova che mostra come Taib e membri della sua famiglia sono impegnati nella corruzione sistemica e il riciclaggio di denaro.
Il leader della Global Witness Forest Campaign Tom Picken ha detto: “Alla luce dei recenti scandali di riciclaggio, HSBC e le sue autorità di regolamentazione finanziaria hanno urgente bisogno di scoprire se la banca si occupa di transazioni illegali in questo settore notoriamente corrotto e distruttivo”.
Il rapporto mostra come quattro dei clienti attuali HSBC in Sarawak hanno sistematicamente violato le politiche forestali del 2004 della banca. Queste politiche richiedono alla banca di eliminare i clienti che non garantiscono che il 70% delle proprie operazioni sia certificato dal Forest Stewardship Council (FSC) o secondo uno standard equivalenti entro il 2009. Nessuno dei clienti di HSBC in Sarawak oggetto dell’indagine di Global Witness è in possesso di un certificato FSC. Questo rappresenta una mancanza di conformità del 100%. Inoltre, Global Witness ha scoperto più casi di attività non sostenibili e illegali da parte delle società, tra cui le seguenti:
– Il gruppo Shin Yang sta tagliando legname e disboscando foresta pluviale incontaminata in una zona proposta dalle autorità malesi per lo status di parco nazionale. L’azienda sta tagliando illegalmente sui pendii ripidi e lungo le rive del fiume. Le comunità locali e l’ex personale di Shin Yang ha affermato in modo indipendente che la compagnia paga gangster armati per intimidire e aggredire chi esprime preoccupazioni o agisce contro gli interessi della società.
– Sarawak Oil Palms sta disboscando e esaurendo il valore della conservazione delle foreste torbiere con un significativo impatto ambientale per creare piantagioni di palme da olio, rilasciando grandi quantità di emissioni di gas a effetto serra. La società ha inoltre disboscato parte di un parco nazionale proposto che è stato elencato dal governo malese come area di conservazione per gli alberi minacciati. L’azienda è in conflitto con le comunità locali, che rivendicano diritti consuetudinari nativi sulle aree in cui opera.
– Il gruppo WTK ha disboscato in modo distruttivo – e molto probabilmente illegale – la foresta pluviale incontaminata di montagna nel “Cuore del Borneo”. Queste operazioni hanno innescato una serie di frane catastrofiche che hanno bloccato il più grande fiume del Sarawak per un tratto di 50 km nel 2010.
– Il gruppo Ta Ann sta disboscando la foresta pluviale, habitat confermato per l’orango, in pericolo di estinzione nel “Cuore del Borneo”. La società annuncia che detiene un certificato di “HSBC Forest Policy”.
Picken ha dichiarato: “Nel 2004 HSBC introdotto in tutto il mondo politiche forestali progressiste volte a evitare proprio questo tipo di rapporti commerciali e rendere la banca un leader del mercato in materia di sostenibilità. E ha sempre negoziato su questi impegni in pubblico, senza tuttavia riuscire a far coincidere la pratica. La banca dovrebbe arrendersi, eliminare questi clienti immediatamente e risarcire le vittime per i danni che ha contribuito a causare”.