Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa e potrebbe contenere dati o informazioni relative a fonti/reference dell'epoca, che nel corso degli anni potrebbero essere state riviste/corrette/aggiornate.

L’auto a idrogeno è un successo: Toyota triplica la produzione

Ben 1.500 esemplari della Mirai (disponibile dalla metà di dicembre in Giappone) sono stati già ordinati, contro i 400 previsti dalla casa automobilistica.

  Il colosso giapponese Toyota ha annunciato questa mattina che la produzione della vettura ad idrogeno Mirai – la sua prima berlina alimentata da pile a combustibile e commercializzata su larga scala – sarà triplicata . A convincere i dirigenti nipponici è stata l’ottima risposta dei consumatori: l’automobile è disponibile sul mercato dalla metà di dicembre e gli ordini sono già 1.500 nonostante il prezzo alto (7 milioni di yen, pari ad oltre 48 mila euro).  

Per questo, la capacità di fabbricazione passerà dalle 700 unità all’anno previste per il 2015 a circa 2.000 l’anno prossimo, e circa 3.000 nel 2017, secondo quanto spiegato dalla casa automobilistica in un comunicato. Le previsioni di vendita, infatti, erano solo di 400 esemplari di qui al prossimo mese di dicembre. 

La vettura è alimentata da una pila a base di idrogeno, e fonda la propria tecnologia sull’elettrolisi inversa: l’energia è prodotta facendo passare in un circuito elettroni che sono stati «strappati» agli atomi di idrogeno. Un processo successivo, che coinvolge anche l’ossigeno dell’aria, produce infine la sola emissione rilasciata dal veicolo nell’atmosfera: semplice vapore acqueo. In questo senso, si tratta perciò di un mezzo iper-ecologico.

Lo sbarco in Europa è previsto per il prossimo settembre, momento nel quale l’auto sarà lanciata anche negli Stati Uniti.