Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa e potrebbe contenere dati o informazioni relative a fonti/reference dell'epoca, che nel corso degli anni potrebbero essere state riviste/corrette/aggiornate.

Ottantamila persone colpite da una tempesta in Madagascar

Secondo i media locali non meno di 13 persone sono morte. Il governo ha disposto misure d'emergenza, tra cui la distribuzione gratuita di riso alla popolazione.

Una tempesta tropicale si è abbattuta nel corso del weekend sulle coste del Madagascar , provocando ufficialmente la morte di sei persone e colpendone non meno di 80 mila in termini di danni materiali. Ad indicare le cifre è un bilancio pubblicato ieri dall’Ufficio nazionale per la gestione dei rischi e delle catastrofi. Ma si tratta di un rapporto parziale, che è già stato superato dai media locali che, riferisce l’agenzia AFP, hanno indicato un numero minimo di 13 morti , di cui tre nella capitale Antananarivo .  

Complessivamente, sono quattro le regioni che risultano colpite, tra il centro e il Sud dell’isola: Analamanga, Menabe, Sud-Est e Vatovavy-Fitovinany. Quest’ultima è quella che ha subito i danni maggiori, con oltre 52 mila sinistri, tra la giornata di venerdì e la mattina di sabato, quando la tempesta Chedza ha lasciato il Madagascar riprendendo il proprio cammino nell’oceano Indiano. 

A complicare le cose c’è poi il fatto che la tempesta è stata preceduta da una settimana di forti piogge, che hanno appesantito il bilancio globale della disastro. In particolare, numerosi fiumi hanno rotto gli argini e allagato le strade della capitale. Il governo ha introdotto misure d’emergenza, come la distribuzione di 81 tonnellate di riso alle popolazioni colpite.