Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa e potrebbe contenere dati o informazioni relative a fonti/reference dell'epoca, che nel corso degli anni potrebbero essere state riviste/corrette/aggiornate.

Scoperti 4 nuovi gas che colpiscono l’ozono

Studiando l'aria in Tasmania e la neve in Groenlandia, un gruppo di ricercatori ha identificato le sostanze, che con ogni probabilità dipendono da attività antropiche.

Quattro nuovi gas inquinanti, di cui tre appartengono alla famiglia dei CFC (clorofluorocarburi), sono stati identificati nell’atmosfera , nella quale si accumulano a partire dagli anni 60. A rivelarlo – riferisce l’agenzia AFP – è uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Nature Geoscience , i cui autori spiegano che dalle analisi effettuate si evince che, probabilmente, si tratta di elementi legati ad attività antropiche.  

I ricercatori hanno studiato campioni di aria prelevati in Tasmania (Australia meridionale) tra il 1978 e il 2012, nonché carotaggi effettuati nella neve in Groenlandia: «L’identificazione dei quattro nuovi gas – hanno sottolineato gli scienziati – costituisce un fatto molto preoccupante, dal momento che essi contribuiranno alla distruzione dell’ozono stratosferico». 

L’origine degli agenti inquinanti non è stata identificata con certezza, ma è stato ipotizzato che possa essere legata all’uso di prodotti chimici per la produzione di insetticidi, così come all’impiego di solventi per la pulizia di componenti elettroniche. Un ulteriore indizio è legato al fatto che la maggior parte delle emissioni è presente nell’emisfero settentrionale del Pianeta.