Germania, procrastinato il voto sulla legge che disciplina il fracking

La legge che disciplina l'uso della tecnica di fratturazione idraulica alla ricerca di shale gas sarà discussa dal parlamento tedesco dopo l'estate.

  Il governo tedesco ha deciso di procrastinare a dopo l’estate il voto, previsto al Bundestag (la Camera bassa del parlamento) sulla legge che disciplina la fratturazione idraulica . Quest’ultima, necessaria per lo sfruttamento del gas da scisto , è da tempo nel mirino degli ambientalisti, per i rischi che comporta non soltanto per gli ecosistemi circostanti ma anche per la salute e la sicurezza dei cittadini. «È necessario ancora del tempo per chiarire alcune questioni centrali», ha dichiarato il deputato socialdemocratico Matthias Miersch, parlando all’agenzia DPA.  

Il voto era previsto per venerdì, ultimo giorno di seduta prima della pausa estiva. Al centro del dibattito, la legge che era stata approvata dal consiglio dei ministri nello scorso mese di aprile, che prevede numerose restrizioni al fracking: talmente tante da rendere, di fatto, sostanzialmente vietato l’uso di tale tecnica sul suolo tedesco. Nel testo si specifica che tale stop dovrà restare in vigore fino al 2019.